Cosa si fa durante l’alternanza scuola lavoro?

3 Oct 2016

scuola lavoro

Cosa si fa durante l’alternanza scuola lavoro? Redooc offre percorsi di Alternanza Scuola lavoro. La nostra società è iscritta nel Registro Nazionale Alternanza Scuola Lavoro.

Una domanda che si pongono ogni anno gli studenti alle prese con questo progetto. Iniziamo col dire che l’alternanza scuola lavoro è utile per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, serve a mettere in pratica ciò che si è imparato fra i banchi di scuola.

Cosa si faccia concretamente durante un percorso di alternanza scuola lavoro dipende da vari fattori. Decisiva è la scelta dell’azienda in cui si andranno a svolgere le ore formative, le mansioni varieranno a seconda del settore in cui opera.

In una start up di education online, ad esempio, molto si basa sull’innovazione tecnologica, sulla didattica e sulla comunicazione.

Durante l’estate dell’A.S. 2015-16 Redooc ha accolto alcuni ragazzi dell’Istituto di Istruzione superiore “Vincenzo Benini” per il percorso dell’Alternanza Scuola Lavoro. Sono loro stessi a rispondere ai tuoi dubbi attraverso un’intervista.

“Cosa si fa durante l’alternanza scuola lavoro?”

Perché hai scelto di perseguire l’alternanza presso la start up Redooc.com?

Alessia

“Perché mi piace la matematica e questo percorso mi sembrava il più affine alla materia. Essendo una piattaforma informatica, speravo di non dover fare fotocopie tutto il giorno, ma lavorare al computer.”

Sara:

Perché mi hanno detto che avrei avuto a che fare con la matematica e mi sembrava interessante.”

Raffaele:

Perché mi è sembrata già dal colloquio un’esperienza nella quale avrei imparato molto nel campo dell’informatica.”

Paola:

Perché quando il tutor scolastico ce l’ha presentata mi sembrava un progetto interessante, all’interno del quale avrei potuto imparare alcune cose di informatica e in particolare sulle piattaforme informatiche.”

Martina:

Perché volevo vivere un esperienza lavorativa che mi chiarisse le idee su cosa voglio diventare da grande.”

Giulia:

“Mi è stata proposta da un professore e mi sembrava una bella azienda.”

Gioele:

“Un professore me l’ha proposta ed io ho accettato, sembrava interessante.”

Marzia:

“Mi è stata assegnata da un professore.”

 

Da queste prime risposte capiamo che è indispensabile informarsi sull’azienda che si sceglie per il periodo di Alternanza scuola lavoro.

Chiediti: In che settore opera? Com’è fatto il suo prodotto/ servizio? Cosa potrei fare per loro?

Conoscevi già Redooc.com?

Alessia:  

No. Mi sono iscritta al sito solo dopo il primo colloquio per poter comprendere meglio con cosa avrei avuto a che fare durante l’alternanza. Ci avevano assegnato l’obiettivo di raggiungere almeno i 500 punti prima dell’effettivo inizio dell’esperienza”.

Sara:

Si, ma non per i corsi di matematica, avevo solo letto dei post sul blog. Quando il tutor scolastico mi ha detto che Redooc era disponibile ad accoglierci sono andata a vedermi un po’ il sito, anche se mi sono effettivamente iscritta solo dopo il primo colloquio. Era indispensabile conoscere meglio il prodotto che offre l’azienda per cui avrei lavorato, anche se per poco. Ci avevano detto di raggiungere i 500 punti prima dell’inizio dell’alternanza“.

Raffaele:

No. Solo quando ho scelto quest’azienda per conseguire l’esperienza di alternanza scuola-lavoro ho deciso di informarmi a riguardo per comprendere meglio il lavoro che avrei dovuto svolgere nel periodo del tirocinio“.

Paola:

No, ho visitato il sito di Redooc solo dopo che il tutor scolastico ce ne ha parlato in classe e ci ha offerto la possibilità di svolgere il periodo di alternanza in questa azienda. Mi sono iscritta dopo il primo colloquio e ho iniziato a conoscere il sito per capire meglio con cosa avrei avuto a che fare durante l’alternanza“.

Martina:

No. Ho iniziato ad usare il sito Redooc solo dopo che ho deciso di fare l’alternanza scuola-lavoro qui, in modo da capire cosa proponesse il sito e cosa potevo fare io.”

Giulia:

“No, non la conoscevo.” 

Gioele:

“No, grazie all’alternanza ho conosciuto Redooc.”

Marzia:

“No, ne sono venuta a conoscenza tramite l’alternanza.”

Abbiamo chiesto esplicitamente a tutti gli studenti di raggiungere 500 punti su Redooc. In questo modo ognuno è riuscito ad arrivare da noi con idea chiara di ciò che c’era da fare.

Cosa hai fatto durante queste tre settimane?

Alessia:

Vari compiti, occuparmi della pagina Instagram dell’azienda, rivedere e correggere alcune bozze di matematica e geometria, realizzare delle immagini con Geogebra e scrivere degli articoli sul blog. Infine, l’attività che ho preferito è stata la creazione di nuove lezioni e post sul sito.

Sara:

“Ho rivisto le spiegazioni di alcuni argomenti di geometria e matematica, creato immagini usando Geogebra (ho preso dimestichezza solo dopo averci litigato per un paio di ore). Ho lavorato su blog e Instagram. Il compito più interessante è stato caricare lezioni, mi è davvero piaciuto vedere come è strutturato il sito.”

Raffaele:

“Ho appreso molte cose di cui prima non avevo minimamente conoscenza. Nuovi linguaggi di programmazione che mi sono stati utili durante questo periodo. Oltre a questo ho anche scritto alcuni articoli, sempre in ambito informatico”

Paola:

“Varie attività, le ho trovate veramente interessanti. Ho imparato molte cose sia di matematica che di informatica. Ho realizzato immagini con Geogebra per il sito e ho riguardato delle bozze di spiegazioni di matematica e geometria per il biennio. Ho realizzato alcune lezioni sui simboli matematici insieme ad altri post ed esercizi sui vettori e sulla logica. Questa è stata una delle cose che mi è piaciuta di più perché oltre ad imparare alcuni argomenti di matematica, ho capito meglio com’è strutturato il sito.

Infine ho inventato alcuni giochi matematici da pubblicare su Facebook e Instagram.   

Martina:

Il mio compito era quello di scrivere nuovi articoli per il blog. In questo modo ho avuto la possibilità di imparare ad usare WordPress e migliorare nella scrittura. Ho dovuto, inoltre, correggere le spiegazioni di alcuni argomenti del secondo e del terzo anno delle scuole superiori.”

Giulia:

“Realizzare guide, documenti in drive e contenuti del sito.”

Gioele:

“Realizzare guide, file in drive e scrivere contenuti del sito.”

Marzia:

“Molte attività come occuparmi dei contenuti di un sito e di blog, creare documenti in Drive, scrivere articoli.”

Consigli per scegliere l’Alternanza scuola lavoro

Come hai potuto notare è importante scegliere bene l’azienda che ti ospiterà. Valuta sempre quello che sai fare, le tue passioni e ciò che vuoi fare da grande. Non dimenticare mai di guardare bene prodotto e servizi offerti, studiali bene, questo ti aiuterà anche nei colloqui di lavoro in futuro.

Nel prossimo articolo sull’alternanza scuola lavoro vedremo in concreto quali sono le utilità e le esperienza che gli studenti portano a casa.

Continua a seguirci!

CHIEDI INFORMAZIONI
ansia da debito di matematica? scopri tutte le nostre offerte