Dantedì: 25 marzo, la giornata nazionale di Dante Alighieri

27 Jan 2020

Dantedì-25 marzo

Dantedì: nasce la giornata nazionale dedicata al Sommo Poeta. Si celebrerà ogni anno il 25 marzo, nel giorno in cui, secondo gli studiosi, inizia il viaggio di Dante nell’aldilà raccontato nella Divina Commedia.

Dantedì: scelta la data del 25 marzo

Per celebrare il padre della lingua italiana è stata scelta la data del 25 marzo.

Tra le possibilità c’era anche il 13/14 settembre, giorno della morte del poeta, avvenuta nel 1321, di cui l’anno prossimo ricorrerà il settecentesimo anniversario.

La preferenza è caduta però sul 25 marzo per favorire le scuole, tra i principali soggetti coinvolti nell’organizzazione della festa. Studenti e docenti potranno così partecipare a eventi, letture, spettacoli e proporre progetti e iniziative personali per festeggiare Dante Alighieri nel giorno in cui si fa cominciare il suo viaggio nell’aldilà.

L’obiettivo del Dantedì: una giornata per celebrare la cultura italiana

Lo scorso luglio, Michele Nitti, deputato del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura, aveva presentato in Parlamento una mozione per istituire una giornata di celebrazioni per il Sommo Poeta. Necessità resa ancora più urgente dall’avvicinarsi del 2021, quando saranno trascorsi 700 anni dalla morte di Dante. Oggi che il Dantedì diventa realtà, Nitti commenta così:

A partire da quest’anno, ogni 25 marzo sarà un’occasione unica, perché condivisa e partecipata su tutto il territorio nazionale, per riflettere sull’identità culturale del Paese partendo dalla grande opera letteraria di Dante e ricordando il suo enorme ruolo nella definizione della lingua italiana“.

L’obiettivo quindi è quello di coinvolgere istituzioni, scuole, biblioteche, teatri, fondazioni culturali per richiamare l’attenzione sull’autore della Divina Commedia, uno dei simboli più rappresentativi della nostra cultura, riconosciuto non solo in Italia ma anche all’estero. Un’occasione per mettere al centro, oltre a Dante e alla sua opera, tutta la cultura italiana perché, come ha detto il ministro Dario Franceschini:

Dante ricorda molte cose che ci tengono insieme: Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia“.

E allora non ci resta che dire: “Viva la cultura e buon Dantedì a tutti!”

Scopri le lezioni di italiano online nella sezione Primaria e nella sezione Medie e in particolare la lezione sulla poesia.

 

Partecipa al PiGreco Day e al Dante Dì 2020!
Partecipa al PiGreco Day e al Dante Dì 2020!