Cos’è la dislessia: il disturbo della lettura più frequente tra DSA

28 Oct 2019

cos'è la dislessia

Cos’è la dislessia? La dislessia è il disturbo specifico della lettura e insieme a disortografia, disgrafia e discalculia rientra nei cosiddetti DSA, Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Non si tratta di patologie, ma di particolari modalità di funzionamento delle reti neuronali coinvolte nei processi di lettura, scrittura e calcolo, che possono costituire un ostacolo nella vita scolastica, in particolare in caso di didattica tradizionale.

Se cerchi maggiori informazioni sul tema DSA guarda qui.

Cos’è la dislessia? La difficoltà dei dislessici dipende dal fatto che le singole operazioni mentali necessarie per leggere non vengono compiute in modo automatico e fluente. La decodifica delle lettere, delle sillabe e delle parole e l’associazione dei grafemi ai suoni corrispondenti comportano quindi una maggiore fatica.

Cos’è la dislessia? Errori spia per riconoscere la dislessia

Cos’è la dislessia? Tra gli errori più frequenti dei dislessici c’è la confusione tra lettere simili dal punto di vista grafico come:

  • m” e “n
  • c” ed “e
  • f” e “t
  • b” e “d” – “p” e “q” – “a” ed “e“: per distinguere le lettere speculari bisogna guardare da che parte è la “pancia”, ma per chi ha difficoltà di orientamento spaziale e tende a confondere sinistra e destra, alto e basso, il riconoscimento di questi grafemi risulta più difficile.

Per agevolare il compito ai dislessici, perciò, è utile usare font ad alta leggibilità, che accentuano le differenze tra i grafemi più facilmente confusi a causa della loro somiglianza.
Ne sono un esempio anche la “I” maiuscola e la “l” minuscola che in alcuni caratteri risultano identiche, mentre in altri vengono distinte con l’utilizzo delle cosiddette grazie, allungamenti posti alle estremità delle lettere. Per questo redooc.com mette a disposizione dei suoi utenti la possibilità di personalizzare il font. La scelta tra Lato, Georgia e Open Dyslexic può essere effettuata all’interno del Profilo, nella sezione Preferenze.

Anche la somiglianza di suono tra le lettere è un ostacolo. A questo proposito può essere spia di dislessia la confusione tra:

  • b” e “p
  • d” e “t
  • f” e “v
  • l” e “r
  • m” e “n
  • s” e “z“.

Altri errori tipici dei dislessici sono l’omissione di parti di parole o di parole intere, i salti di righe, l’inversione o l’aggiunta di lettere.

Cos’è la dislessia? Le conseguenze

Cos’è la dislessia? Questa difficoltà nella lettura porta a tentare di completare le parole in modo intuitivo, tirando a indovinare per evitare la complessa operazione di riconoscimento delle singole lettere. Questo ovviamente si ripercuote anche sulla comprensione dei testi e di conseguenza sull’apprendimento di tutte le materie, mediato dalla lettura. Anche la matematica presenta insidie per i dislessici, soprattutto per quanto riguarda il riconoscimento dei simboli.

Prova le mappe mentali e gli strumenti compensativi interattivi ideati da redooc.com in collaborazione con Giacomo Stella, Fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia e responsabile scientifico dei centri SOS Dislessia.

Cos’è la dislessia? Gli interventi possibili

La diagnosi di dislessia può essere effettuata a partire dalla classe terza della Scuola Primaria, ma già negli anni della Scuola dell’Infanzia si possono riconoscere dei segnali di rischio. Lo sviluppo tardivo del linguaggio e le difficoltà di orientamento spazio-temporale possono infatti essere i primi indicatori di questo disturbo.

In presenza di questi segnali di rischio di dislessia è utile lavorare fin dall’inizio della scolarizzazione:

  • sulla distinzione dei grafemi
  • sul riconoscimento dei suoni delle parole
  • sull’associazione grafema-fonema
  • sulla fluidità della lettura.

L’obiettivo è abituare gradualmente le bambine e i bambini dislessici a leggere le parole nella loro globalità e non come unione di singoli pezzi, anche attraverso esercizi di lettura veloce e temporizzata con il tachistoscopio.

La dislessia è il più diffuso tra i DSA e conoscerla è il primo passo per affrontarla in modo costruttivo. Perché l’apprendimento possa essere un’esperienza gratificante e appassionante per tutti i ragazzi e le ragazze, nel rispetto dei modi e dei tempi di ciascuno. Perché, come recita il motto di redooc.com, siamo tutti BES (Bisogni Educativi Speciali)”!

Prova le mappe mentali e gli strumenti compensativi interattivi ideati da redooc.com in collaborazione con Giacomo Stella, Fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia e responsabile scientifico dei centri SOS Dislessia.

E se vuoi conoscere meglio il mondo DSA, non perderti l’ultima uscita di redooc.com: DSA. Decisamente Super Affascinante. La vera storia di un’alleata didattica in prima lineaIl libro di Valentina Secchi con introduzione di Giacomo Stella.

Per ulteriori informazioni, leggi la sezione dedicata ai Consigli per i Genitori.

Sconti da paura
Sconti da paura