Cos’è la disgrafia: cosa fare contro la fatica di scrivere

29 Oct 2019

cos'è la disgrafia

Cos’è la disgrafia? Scrivere è un’operazione che compiamo quotidianamente e che ci sembra del tutto naturale. Imparare a farlo è una delle grandi conquiste di quando siamo bambini e una scrittura fluida e ordinata è motivo di orgoglio. Se dopo i primi anni di scolarizzazione, quando il processo di apprendimento delle lettere alfabetiche dovrebbe essere completato, l’operazione dello scrivere risulta ancora lenta e faticosa, è bene accertarsi che non si tratti di disgrafia.

Per ulteriori informazioni, leggi la sezione dedicata ai Consigli DSA per i Genitori.

Cos’è la disgrafia?

Cos’è la disgrafia? La disgrafia è una tipologia di Disturbo Specifico dell’Apprendimento che riguarda la scrittura manuale nel suo aspetto motorio-esecutivo. I disgrafici scrivono in modo frammentato e disorganizzato, talvolta illeggibile anche per lo scrivente stesso. Non si tratta quindi di una questione di semplice calligrafia e bellezza estetica, ma di un problema che impedisce ai bambini e ai ragazzi disgrafici di esprimersi in forma scritta, con tutte le relative conseguenze sulla vita scolastica e non.

La gestione dello spazio è disordinata. Le parole sono talvolta eccessivamente distanziate, in altri casi ammassate in un punto del foglio, non seguono le righe e non rispettano i margini. Le lettere sono di grandezza diversa o scritte in modo incomprensibile.

Il tratto è a volte troppo calcato, altre troppo leggero, quasi impercettibile. Questa disomogeneità è dovuta anche a una scorretta postura e impugnatura della penna.

A questo può aggiungersi un dolore al braccio percepito mentre si scrive.

Cos’è la disgrafia. Cosa fare?

Cos’è la disgrafia e cosa fare per aiutare ragazzi e ragazze disgrafici ad acquisire l’abilità della scrittura? Si possono effettuare esercizi di potenziamento di vario genere. Si può lavorare per esempio sull’orientamento spaziale e sulla coordinazione motoria, per rendere l’atto dello scrivere più organizzato e fluente.

Una volta ricevuta la diagnosi di disgrafia, è utile compilare attentamente il Piano Didattico Personalizzato (PDP), indicando le strategie e gli strumenti compensativi che si intendono adottare per favorire l’apprendimento.

Le nuove tecnologie possono essere un valido alleato per supportare bambini/e ed è per questo che redooc.com è attenta a tutti gli stili di apprendimento. Strumenti interattivi, mappe mentali, personalizzazione del font: per saperne di più sul tema DSA e sulle funzionalità progettate da redooc.com per rispondere ai bisogni educativi di ciascuno consulta la sezione del blog DSA e Scuola.

Prova le mappe mentali e gli strumenti compensativi interattivi ideati da redooc.com in collaborazione con Giacomo Stella, Fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia e responsabile scientifico dei centri SOS Dislessia.

E se vuoi conoscere meglio il mondo DSA, non perderti l’ultima uscita di redooc.com: DSA. Decisamente Super Affascinante. La vera storia di un’alleata didattica in prima lineaIl libro di Valentina Secchi con introduzione di Giacomo Stella.

Per ulteriori informazioni, leggi la sezione dedicata ai Consigli per i Genitori.

Sconti da paura
Sconti da paura