Matematica al Liceo Classico: un esempio di didattica

22 apr 2016

Matematica al liceo classico Munthe di Capri

Diciamo la verità: la matematica al Liceo Classico non è proprio la materia principale. Ciò nonostante, imparare la matematica è un po’ come imparare una lingua ed è (almeno per noi) più facile di latino o greco. Sì ma come insegnare la matematica al Liceo Classico? Qui entra in gioco Redooc!

Per tutto l’anno scolastico 2015/2016, Redooc porta la matematica al Liceo Classico grazie alla collaborazione della Prof.ssa Anna Maria Cattaneo e degli studenti del Liceo Classico Axel Munthe di Capri. Ma come usano Redooc per la didattica della matematica? Curiosi?

Matematica al Liceo Classico Munthe

Come usi Redooc per la didattica?

Ho conosciuto e usato Redooc l’anno scorso in un Liceo Artistico: avevo a disposizione un’aula informatica con solo 3 computer e, dove possibile, gli studenti hanno potuto lavorare in gruppi di 3/4. Ho chiesto ai ragazzi di collegarsi da casa per il recupero durante l’inizio del secondo quadrimestre e prima di un paio di compiti in classe in cui ho inserito dei quesiti quasi identici agli esercizi di Redooc. L’ho utilizzato per il recupero, per introdurre un nuovo argomento e per la preparazione dei compiti in classe.
Quest’anno sto usando la piattaforma con una IV e V Liceo Classico, per un totale di circa 20 studenti.
Nel primo quadrimestre, ho usato Redooc come supporto per la didattica in classe, seguendo le video lezioni sugli argomenti da introdurre. Questo perché non avevo a disposizione un proiettore/LIM in classe. Da poco, in quarta abbiamo un dispositivo da collegare al computer e posso proiettare le lezioni anche in classe, in modo che tutti abbiano la possibilità di seguire.
Uso molto gli esercizi spiegati: li assegno come compito per casa e poi controllo l’effettivo svolgimento sulla classe virtuale accessibile dal mio profilo utente.

Cosa pensano gli studenti di Redooc?

In classe sono contenti di utilizzarlo, a casa quelli che studiano lo utilizzano, gli altri non tanto. Poi ci sono anche casi limite: in quinta una ragazza si rifiuta di utilizzarlo.
In ogni caso, ho notato un miglioramento nella comprensione degli argomenti perché a casa possono riguardare la lezione quante volte vogliono, per assimilare meglio i concetti che magari si sono persi durante la spiegazione in classe.
Ho visto anche che alcuni studenti ne approfittano per ripassare argomenti precedenti, guardando le lezioni e facendo gli esercizi. Li ho visti interessati alle lezioni di statistica e alla nuova sezione di economia e finanza. Sicuramente il format dei video e degli esercizi li stimola e li incuriosisce. Non ho mai visto degli studenti che autonomamente si interessano ad argomenti non trattati in classe. Tutto ciò è bellissimo!

Redooc entra nel tuo metodo di valutazione?

Ho pensato di assegnare dei voti per l’attività svolta a casa su Redooc. Credo che questo sia un buon incentivo per l’utilizzo.
E poi già il fatto che gli studenti a casa ripassino argomenti “vecchi” è straordinario! Ricordiamoci che stiamo parlando di matematica al Liceo Classico. Sto pensando di valutare positivamente anche questo aspetto: infatti credo che uno studente in maniera autonoma fa degli esercizi di matematica “non assegnati” dal professore debba essere premiato.

Quali argomenti hai trattato con Redooc in classe?

In V abbiamo ripassato il concetto di funzione per poi passare alle funzioni goniometriche. Ora abbiamo iniziato i limiti.
In IV invece abbiamo iniziato subito con la geometria analitica, in particolare ellisse e iperbole. Ora stiamo guardando le lezioni sugli esponenziali.

Vai di numeri!

Abbiamo capito “come” gli studenti del Liceo Classico Axel Munthe stanno usando Redooc per la matematica. Ma quanto lo stanno usando? Vediamo un po’ di numeri:

  • 15.000+ punti fatti
  • 764 livelli completati, di cui 552 superati

Grazie Anna Maria!

#NEVERSTOPLEARNING Intesa Sanpaolo regala agli studenti dalla Primaria fino all’Università 3 mesi di accesso gratuito alla piattaforma
#NEVERSTOPLEARNING Intesa Sanpaolo regala agli studenti dalla Primaria fino all’Università 3 mesi di accesso gratuito alla piattaforma