Stili di vita, salute e famiglia

In questa lezione analizzeremo uno degli aspetti fondamentali della nostra vita quotidiana, ossia l’approccio a una sana alimentazione, per poi passare al tema dell'esercizio fisico fino ad arrivare ad argomenti più delicati quali uso di droghe, abuso di alcol e dipendenza dal fumo.

Appunti

Cibi sbagliati e cibi giusti… esiste davvero questa distinzione? Quali sono i rischi di un’alimentazione poco sana e cosa si intende per IMC

Non mi piace camminare e odio fare sport, è un problema?

... un’ultima sigaretta ...” come diceva Zeno Cosini (La coscienza di Zeno).

Dopo quanto si diventa dipendenti da alcol, fumo e sostanze stupefacenti?

All’inizio di ogni anno nuovo siamo sempre pronti a porci dei nuovi propositi, che si tratti di un’alimentazione più sana o di smettere di fumare o semplicemente di migliorare le nostre abitudini quotidiane. 

Ebbene, in questa lezione cercheremo di introdurti a uno stile di vita sano da adottare fin da subito per non dover più posticipare al “nuovo anno” ciò che possiamo cominciare già da ora. 

Andiamo dunque a esplorare insieme quali sono i benefici di uno stile di vita sano e i possibili svantaggi che derivano dal non seguirlo. 

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale su stili di vita, salute e famiglia

Scarica la mappa sugli stili di vita, salute e famiglia!

Cibo e alimentazione

Cosa ti motiva ad alzarti dal letto e svegliarti la mattina? Che sia il pensiero della prima colazione o la voglia di iniziare bene la giornata, un pasto importante può darti le energie necessarie per affrontarla al meglio. Ma quanti pasti dobbiamo assumere per raggiungere il nostro pieno potenziale?

La giornata tipo può essere divisa in cinque pasti:

  • prima colazione: permette di iniziare la giornata con energia e concentrazione;
  • merenda o spuntino: due volte al giorno a metà mattinata e a metà pomeriggio, ideale per rimanere leggeri e non compromettere l’appetito a pranzo e a cena;
  • pranzo e cena: questi due pasti devono essere completi e vari. 

Per una corretta alimentazione è utile seguire pochi consigli pratici, partendo dall’utilizzo di alimenti freschi, dal consumo equilibrato di frutta e verdura, possibilmente di “stagione”, utilizzando una cottura semplice (per evitare l’accumulo di grassi). Ecco i principali consigli da seguire:

  • aumentare il consumo di legumi;
  • aumentare il consumo di pesce;
  • limitare il consumo di zuccheri.

Cerchiamo di evitare i cibi zuccherati e calorici (come i cibi spazzatura o le merendine confezionate) e ricordiamoci di bere tanta acqua (almeno un litro e mezzo al giorno)! 

Possibili conseguenze di un’alimentazione scorretta

Molti ragazzi sono particolarmente attenti nel seguire un’alimentazione sana per diverse ragioni (chi per ragioni sportive, chi per ragioni di salute, chi per avere un fisico tonico). Anche se dovesse mancare la motivazione o la determinazione per privarsi di cibi meno salutari, i rischi a cui si va incontro seguendo un’alimentazione sbagliata sono numerosi. Una scorretta alimentazione porta a conseguenze come l’obesità (che colpisce 3 bambini su 10, in particolare i maschi) e può sconvolgere il benessere fisico, sociale e psicologico di una persona. Alcuni dei rischi più comuni sono i disturbi all’apparato respiratorio (come ad esempio l’asma) e i disturbi psicosociali (i bambini obesi hanno una bassa autostima e vengono spesso bullizzati).

Esistono dati scientifici in grado di controllare se si è in sovrappeso, come ad esempio l’Indice di Massa Corporea (IMC), un indicatore (un numero) che identifica il “peso forma” della persona, che non bisognerebbe mai trascurare di controllare, fin da piccoli.

Un corretto stile alimentare si costruisce giorno dopo giorno, nutrendosi di cibi in grado di fornire un giusto apporto proteico (di proteine) e calorico (di calorie). È importante ricordare che non esistono né cibi “cattivi” né cibi “buoni”, ma cibi salutari (frutta, verdura, farinacei e pesce) e meno salutari (cibi zuccherati, cibi eccessivamente salati, carni rosse e grassi di origine animale).

Sport e movimento

Sentiamo sempre dire che l’attività fisica è importante e che è sufficiente fare attività sportiva per circa 1 ora al giorno, da tre a cinque volte a settimana. Ma cosa intendiamo esattamente per attività fisica? Già semplicemente camminare, correre e giocare all’aria aperta possono essere considerati tali.

Tuttavia, tendiamo a utilizzare mezzi di trasporto alternativi alle nostre gambe, ma non ci chiediamo abbastanza spesso perché sia importante camminare. Sottovalutiamo i numerosi benefici che una semplice passeggiata può procurarci, iniziando da quello più semplice di “bruciare calorie”, per arrivare al conseguente beneficio di una migliore circolazione sanguigna accompagnata da un maggior benessere psicologico e un maggior senso di relax, tutti benefici che aiutano a prevenire l’obesità di cui abbiamo già parlato. Un semplice passo in più, in tutti i sensi, potrebbe essere quello di andare a scuola a piedi. Un piccolo sforzo per grandi risultati!
Proprio per questo nascono progetti come PEDIBUS, un’iniziativa diffusa in tutta Europa con lo scopo di incentivare lo scuolabus a piedi. Farlo in compagnia potrebbe essere utile anche per sviluppare una maggiore socializzazione (in un periodo in cui tendiamo a isolarci sempre di più) con inevitabili benefici al livello psicologico.

Ecco pochi semplici consigli per iniziare a essere più attivi:

  • ogni giorno: andare a scuola in bici o a piedi;
  • 4/5 volte la settimana: svolgere attività all’aperto e aiutare in casa;
  • 3/4 volte la settimana: fare sport;
  • limitare a 1/2 ore al giorno (massimo) il gioco ai videogiochi o il guardare la tv.

I benefici dell’attività motoria, come detto, sono numerosi: contribuisce a bruciare calorie, aiuta a scaricare la tensione (magari prima di una verifica se ci sentiamo agitati), migliora l'umore e favorisce la socializzazione (motivarsi/sostenersi a vicenda, un modo diverso per fare nuove amicizie). Uno stile di vita poco rispettoso delle esigenze del corpo può, al contrario, determinare un calo dell’umore, stati di depressione e invecchiamento precoce.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, Agenzia delle Nazioni Unite specializzata nelle questioni sanitarie, fornisce dei suggerimenti su una corretta attività fisica a seconda dell’età:

  • bambini e ragazzi (5–17 anni): almeno 60 minuti al giorno di attività sportiva;
  • adulti (18–64 anni): almeno 150 minuti alla settimana di attività moderata o 75 di attività intensa;
  • anziani (dai 65 anni in poi): le indicazioni sono le stesse degli adulti, con l’avvertenza di svolgere anche attività orientate all’equilibrio per prevenire le cadute.

Fumo

Sapevi che quando si fuma una sigaretta vengono liberate più di 4.000 sostanze chimiche, tra cui la nicotina che crea dipendenza? Sapevi dell’esistenza del fumo di terza mano? Esistono infatti diversi tipi di fumo:

  • attivo: quando è direttamente aspirato dal soggetto;
  • passivo: quando si respira il fumo aspirato da altri;
  • di terza mano: ovvero quel fumo depositato su abiti, capelli, pelle o tessuti.

N.B.: anche se non si è fumatori attivi, gli effetti sulla salute possono essere ugualmente dannosi. 

Quali sono i rischi legati al fumo?
Chi fuma 10 sigarette al giorno ha probabilità 6 volte maggiori di sviluppare il tumore allo stomaco. In più raddoppia il rischio di problematiche legate al cuore (attacco di cuore) e di sviluppare malattie cardiovascolari. Inoltre, il fumo riduce del 72% i livelli di fertilità. È bene sapere, infine, che fumare in gravidanza aumenta il rischio di aborto e di dare alla luce neonati sottopeso (-200 gr in media). 

I benefici per chi smette di fumare sono innumerevoli: l’aspettativa di vita si allunga di dieci anni per chi non fuma, la probabilità di sviluppare un tumore diminuisce (dopo venti anni il rischio di tumore è ridotto a quello di un non fumatore), si respira meglio, si ha una maggiore resistenza fisica, si dorme meglio, si ha una maggiore luminosità della pelle, si riducono le occhiaie e gli occhi sono più limpidi...
Smettere di fumare è possibile. Gli ostacoli sono soprattutto psicologici e generalmente sono sopravvalutati.

Alcol

Oltre al rischio di abuso e dipendenza, anche il consumo di alcolici (come il fumo), presenta svariati rischi per la salute del cuore, dei vasi, del sistema nervoso e della mente. Lo stato di ebbrezza, inoltre, espone a un maggiore rischio di eventi traumatici e incidenti, che sono la prima causa di morte tra i giovani adulti (OMS-2018). È forse meno noto che tutti questi effetti dannosi diventano ancora più pericolosi in un organismo in fase di grandi cambiamenti e ancora immaturo come quello di un adolescente.

Quali sono, dunque, i rischi maggiori? Come detto, l'abuso di alcol ha effetti diretti su molti organi, soprattutto su fegato e sistema nervoso centrale, creando una dipendenza superiore rispetto alle droghe illegali più conosciute. I numeri parlano chiaro: il 20% dei giovani tra 11 e 17 anni fa un uso eccessivo di bevande alcoliche, mentre il 17% dei ragazzi tra 18 e 24 anni pratica il “binge drinking”, espressione che indica il “bere al solo scopo di ubriacarsi”. Una pratica assai dannosa, soprattutto se si considera che in età giovanile l’organismo non è ancora in grado di metabolizzare completamente l’alcol.

L’abuso di alcol, inoltre, non è dannoso solo per il proprio organismo ma è causa del 30% degli incidenti stradali con possibili danni a terzi. Guidare dopo aver bevuto oltre i limiti, infatti, rallenta i riflessi. È importante ricordare che secondo il Codice della Strada il limite legale di alcolemia (concentrazione di alcol nel sangue) alla guida non deve superare 0,5 g per litro. 0 g è invece il limite alcolemico per i guidatori sotto i 21 anni di età o patentati da meno di 3 anni e per i guidatori professionali.

Droghe

Quasi un terzo della popolazione studentesca (32,4%) ha utilizzato cannabis almeno una volta nella vita. Molti, leggendo questa frase, penseranno solo ad un numero, altri si riconosceranno in quel numero, mentre altri ancora, magari, lo sottovaluteranno. Spesso e volentieri ci si dimentica che dietro a ogni numero, a ogni statistica, c’è un essere umano.

Questo dato non va assolutamente trascurato e se ne dovrebbe parlare con molta più attenzione, ad esempio introducendo lezioni di educazione civica (regole di condotta che dovrebbero avere i buoni cittadini per un vivere sereno) presso le scuole con personale specializzato.

Perché sono così importanti questi temi? Ma soprattutto, cosa intendiamo esattamente per sostanze stupefacenti? Detta "droga" nel linguaggio comune, si tratta sia di sostanze naturali che di sostanze chimiche che alterano il funzionamento della mente ed hanno la capacità di generare dipendenza nel soggetto che le assume. Le sostanze illegali più utilizzate tra gli studenti, dopo la cannabis, sono la Spice (cannabis sintetica), la cocaina, gli stimolanti e gli allucinogeni, mentre l’eroina è quella meno diffusa.

Quando si tratta di argomenti così delicati è fondamentale essere informati e consapevoli degli effetti nocivi che le droghe hanno sul fisico e sulla mente umana. È importante sapere che l’assunzione di droghe diventa anche una questione di sicurezza personale, sia per i ragazzi che per le ragazze che, assumendo droghe, rischiano di non avere più la giusta percezione della realtà.

È bene evidenziare, infatti, che l’assunzione di droga potrebbe non essere volontaria. Si pensi, infatti, alle cosiddette “droghe dello stupro” o anche dette “rape drugs” (in inglese), che causano nelle vittime perdita di coscienza ed alle volte perdita della memoria degli eventi subiti insieme ad altri effetti come la sonnolenza.

Tra le numerose invenzioni per prevenire, evitare e ridurre questo terribile fenomeno, è importante citare quella di tre ragazze americane che hanno ideato una cannuccia che cambia colore in base alla presenza di droga nel drink o l’elastico per i capelli da utilizzare come copribicchiere per evitare che qualcuno possa inserire sostanze all’interno del bicchiere.

Sondaggio "Conosci il rischio?"

dati al 12.11.2021

Nell'infografica troverai i risultati del sondaggio "Conosci il rischio".

Continua a partecipare e rispondere al sondaggio sui temi del rischio e della prevenzione a questo link https://forms.gle/8K6nE862GbhDbSV47