Fare l'analisi grammaticale del nome

Che cosa significa fare l’analisi grammaticale del nome? Scopri quali sono le informazioni fondamentali da dare a proposito del nome, del suo genere, del suo numero e della sua forma.

È un nome comune o proprio? È di persona, di animale o di cosa? È maschile o femminileSingolare o plurale? CollettivoConcreto o astrattoÈ primitivo, derivato, composto o alterato?

Sono queste le domande che devi porti quando ti trovi a fare l’analisi grammaticale di un nome.

Vediamo insieme come procedere per non dimenticare nulla.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Che nome è?

Come hai studiato, i nomi possono:

  • essere comuni o propri 
  • riferirsi a persone, animali o cose.

Quando fai l’analisi grammaticale dei nomi devi individuare tutte queste informazioni perché racchiudono le caratteristiche distintive di quel determinato nome.

È come se ti trovassi a descrivere una persona: inizieresti a parlare delle sue caratteristiche fisiche per poi passare al carattere, aggiungendo man mano sempre più dettagli. Impara a fare lo stesso con i nomi.

Pronto per una prova? Ad esempio:

  • libri = nome comune di cosa
  • Claudia = nome proprio di persona

Se è tutto chiaro continua a leggere per scoprire cosa puoi aggiungere per completare l'analisi del nome.

Genere e numero dei nomi

Cosa manca nell'analisi grammaticale degli esempi precedenti?

Il genere e il numero. Quando dobbiamo analizzare i nomi ricordiamoci di segnalare se sono: 

  • maschili o femminili,
  • singolari o plurali e se sono collettivi.

Diremo allora che “libri” è un nome comune di cosa maschile plurale e “Claudia” è un nome proprio di persona femminile singolare.

Non lasciarti confondere dai nomi collettivi e ricordati che quando un nome è invariabile l’articolo ti permette di capirne il genere e il numero.

Ecco qualche esempio per fare un po’ di pratica:

  • flotta = nome comune di cosa, femminile, singolare, collettivo
  • (i) cantanti = nome comune di persona, maschile, plurale

Tutto chiaro? Continua ad allenarti facendo l'analisi dei nomi che vuoi.

Nomi concreti o astratti

C’è un’altra informazione che possiamo tenere presente a proposito del nome in analisi grammaticale: possiamo infatti stabilire se si tratta di un nome concreto o di un nome astratto

In molti casi la scelta è facile, per cui “quaderno” è sicuramente un nome concreto e “bontà” è sicuramente astratto, “giovane” è concreto, mentre “giovinezza” è astratto e si potrebbe continuare con tantissimi altri esempi.

Ci sono però dei casi in cui la distinzione è meno netta e può generare dubbi: si tratta di parole come giorno, partenza, celebrità (che può essere astratto o concreto a seconda del contesto) e molte altre per cui si può evitare di dare questa indicazione per non cadere in inutili controversie.

La forma del nome

Manca ancora qualcosa per completare l’analisi grammaticale del nome: come hai studiato, infatti, il nome può essere primitivo, derivato, compostoo alteratoE allora perché non indicarlo nell’analisi del nostro nome? 

Ecco qualche esempio per capire come procedere:

  • Acqua = nome comune di cosa, femminile, singolare, concreto, primitivo
  • Acquario = nome comune di cosa, maschile, singolare, concreto, derivato
  • Acquamarina = nome comune di cosa, femminile, singolare, concreto, composto
  • Acquetta = nome comune di cosa, femminile, singolare, concreto, alterato vezzeggiativo

Riepilogo dell'analisi grammaticale del nome

transparent placeholder

Stampa la scheda e tienila a portata di mano quando fai l'analisi grammaticale per non dimenticare nulla a proposito dei nomi.

Scarica il pdf qui:

#PORTAunAMICO 1000 gettoni e 10 giorni di prova per te e per lui
#PORTAunAMICO 1000 gettoni e 10 giorni di prova per te e per lui