Gruppi consonantici particolari

Ci sono consonanti e gruppi consonantici un po’ dispettosi che amano stare insieme e tessere dei piccoli trabocchetti a tutti i bambini.

Impara a conoscere le doppie e i suoni gn, gl, sc, mp e mb e vedrai che riuscirai a evitare tutti i tranelli della lingua italiana!

Appunti

Non tutte le consonanti si accontentano di stare da sole insieme alle vocali. A volte preferiscono andare in coppia con altre consonanti, formando dei gruppi consonantici.

Possono scegliere di andare a braccetto con la loro gemella, formando una coppia di due consonanti identiche una dopo l’altra: è il caso delle doppie!

Ci sono poi delle coppie un po’ particolari come quelle formate da GN, GL, SC e anche MP e MB. Scopri tutto ciò che devi sapere su questi gruppi consonantici per evitare ogni possibile errore.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per imparare i gruppi consonantici particolari

Per imparare a usare correttamente questi gruppi consonantici particolari è necessario conoscere: 

Le doppie

È il momento di imparare che in italiano esistono parole che hanno al loro interno delle consonanti doppie, cioè due consonanti uguali scritte una di seguito all’altra.

Fai attenzione perché ci sono parole che si differenziano soltanto per la durata della consonante: in capello la P ha un suono breve, mentre in cappello la presenza della doppia P fa capire che il suono è lungo.

Lo stesso vale per note/notte, pala/palla, casa/cassa… E ricordati che nella divisione in sillabe le doppie vanno sempre separate in due sillabe diverse.

Il gruppo GN

Ragno, impegno, cigno, gnomo, pugno… Sono solo alcune delle tante parole che contengono il gruppo consonantico gn.

Queste due letterine di solito non sono mai seguite dalla vocale i, ma c’è qualche piccola eccezione: per esempio la parola compagnia e le forme verbali come bagniamo (prima persona plurale di indicativo e congiuntivo presente) e bagniate (seconda persona plurale del congiuntivo presente).

Fai attenzione a non confondere gn e ni, si assomigliano ma sono diversi: genio, geranio e macedonia vogliono ni e non gn!

GLI e LI, i gemelli diversi

Gli e li sono suoni molto simili perchè nel primo la g è appena pronunciata. Ma aglio è diverso da olio, bottiglia da vigilia, tovaglia da Italia, moglie da lieve e così via.

Fai attenzione a non confonderti e ricorda che il gruppo gl può anche avere un suono duro in alcuni casi: inglese, gloria e globo sono solo degli esempi di questa pronuncia dura di gl, divertiti a trovarne tanti altri!

SCE, SCI e SCIE

Il gruppo sc è un po’ particolare. Può essere seguito da A, O e U come in scatto, scomodo, oscuro… Ma può anche stare davanti a E o I come in pesce e scimmia.

Ci sono poi due paroline un po’ birichine che vogliono la I tra sc ed E: Sono scienza e coscienza che della i non fanno senza! E come loro si comportano pure tutti i derivati: scienziato, scientifico, incosciente, fantascienza… e altri ancora!

MP e MB

Ecco un’ultima regoletta da ricordare sui gruppi consonantici: davanti a P e B non bisogna mai mettere la N.

Non scrivere mai inbuto, tronba, banbino e canpana, ma sempre imbuto, trombabambino e campana!

Il cruciverba dei gruppi consonantici

Risolvi il cruciverba dei gruppi consonantici e ripassa tutte le particolarità ortografiche che hai studiato in questa lezione. Doppie, GN, GL, MP, SC, nessuna consonante potrà più farti paura!

Scarica la scheda qui: