Dolci di Natale

In questa lezione troverai la leggenda sulle origini del Pandoro e del Panettone, i classici dolci di Natale, e una ricetta che puoi facilmente preparare sotto le feste natalizie: i cinnamon rolls o girelle alla cannella.

Appunti

Cosa sarebbe il Natale senza dolci? Pandoro e panettone sono il simbolo di questa festività, ma quando e come sono stati inventati? Scoprilo in questa lezione e, se vuoi metterti alla prova, da’ il tuo contributo al cenone natalizio seguendo la ricetta dei cinnamon rolls.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Le origini del panettone

Diversamente dal pandoro, la cui istituzione è certa e conosciuta, a provare a spiegare le origini del panettone ci sono tre misteriose leggende. 

Ciò che è certo è che le prime tracce dell’esistenza di questo pane dolce risalgono alla Milano del Quattrocento, alla corte di Ludovico il Moro

1. Il Pan del Toni

La prima leggenda descrive il panettone come un’invenzione di Ugo, il falconiere di Ludovico il Moro, divenuto garzone nella bottega di Toni, suo suocero. Una notte, ancora alle prime armi con la cucina, Ugo aggiunge al pane che stava impastando una grande quantità di burro. Nei giorni successivi, a questo “pane speciale” Toni ha la brillante idea di aggiungere zucchero, e, sotto le festività, canditi e uva sultanina. 

La ricetta è un successo: a Natale non c’è tavola dei milanesi senza il Pan del Toni.

2. Toni il salvatore del Natale

Secondo un’altra leggenda, invece, Toni era un servo alla corte del suo signore che, per una buona causa, si vide togliere lo spuntino da sotto gli occhi. A conclusione di un sontuoso banchetto di Natale alla corte di Ludovico il Moro, un famoso cuoco compie un errore da principiante: si dimentica il dolce nel forno, bruciandolo. Per questo si vede costretto a rubare la merenda a Toni, che aveva tenuto per sé un po’ dell’impasto, aggiungendoci frutta candita, uova, zucchero e uvetta. 

Il risultato è sorprendente e in questo modo, pur con la pancia vuota, Toni salva il banchetto di Natale, istituendo un dolce per i successivi secoli.

3. L’invenzione di suor Ughetta

Ughetta è la suora di un convento milanese che, per Natale, cucina un dolce per le consorelle con i pochi ingredienti disponibili nella dispensa del monastero. Ecco dunque che al solito impasto del pane aggiunge zucchero, canditi e uvette e, per benedire l’impasto, vi traccia sopra con il coltello una croce.

Le origini del pandoro

Per l’altro dolce caratteristico di Natale ci spostiamo da Milano a Verona, circa 150 anni dopo. Diversamente dal panettone, per il pandoro esiste una data di nascita ben precisa: 14 ottobre 1894, quando Domenico Melegatti brevetta la ricetta di un dolce lievitato a forma di stella con otto punte. 

Eppure prima dell’invenzione di Melegatti il pandoro aveva già un antenato: il Levà, dolce di antica tradizione veronese. La sera della vigilia di Natale le donne dei villaggi si riunivano per impastare il cosiddetto Levà, un dolce lievitato ricoperto da granella di zucchero e mandorle. L’inventore del pandoro prende la ricetta del Levà, ne elimina la copertura, un ostacolo per la lievitazione e aggiunge uova e burro allo scopo di rendere morbido l'impasto.

Il pandoro era pronto.

I cinnamon rolls o girelle alla cannella

Le girelle alla cannella, anche conosciute come cinnamon rolls, sono delle brioche arrotolate e dalla forma circolare farcite con cannella e zucchero.

Nate in Svezia, dove sono conosciute con il nome di Kanelbullar, sono ormai conosciute e apprezzate in tutto il mondo e sono entrate a far parte della tradizione natalizia grazie al loro inconfondibile profumo di cannella. 

Tante sono le varianti che si sono diffuse: tra queste troviamo le girelle con le gocce di cioccolato oppure con l’uvetta, o ancora con le mele. Spesso vengono servite anche con una glassa di zucchero.

A questo dolce, è stata dedicata la Giornata Internazionale dei Cinnamon Rolls, celebrata il 4 Ottobre.

Mettiti alla prova: scarica la ricetta dei cinnamon rolls e offrile ai tuoi parenti al pranzo di Natale e durante le feste, servite con una tazza calda di tè o di cioccolata. Il successo è garantito!