Il terrorismo globale

Il terrorismo globale è una nuova dimensione della violenza, prodotta dalla globalizzazione, un processo che sta investendo tutti i settori delle nostre vite. Scopri i principali attentati terroristici internazionali dall'11 settembre 2001 in poi nella mappa mentale.

Appunti

La globalizzazione non ha a che fare solo con la facilità delle comunicazioni e degli spostamenti, ma ha avuto un impatto anche sulla dimensione della guerra. A partire dall’11 settembre 2001, ne esiste una nuova versione prima difficilmente immaginabile, il terrorismo globale, che ha causato diversi attentati nei Paesi occidentali.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale sul terrorismo globale

Oltre al terrorismo, divenuto internazionale (Al Quaeda, Isis, Boko Haram, ecc.), anche le guerre più recenti sono cambiate in modo importante, al punto da essere combattute da nutrite coalizioni multinazionali, senza per questo arrivare a scatenare la Terza Guerra mondiale. Svariati sono i conflitti con queste caratteristiche che sono tuttora in corso, ma i più rilevanti sono:

  • Afghanistan (2001): USA e NATO a supporto dell'esercito afghano contro i talebani;
  • Iraq (2003): USA contro la dittatura di Saddam Hussein e successiva guerra civile e nascita del sedicente Stato islamico;
  • Libia (2011): NATO contro il regime di Gheddafi, successiva guerra civile e intervento contro l'Isis.

Per approfondire e scoprire cos'è l'Isis guarda il video.

Per stampare la mappa mentale, vai in fondo alla lezione.

Gli attentati dell'11 settembre 2001

Insieme all’internazionalizzazione delle guerre, la globalizzazione è riuscita a diffondere su scala planetaria anche una nuova dimesione di violenza, il terrorismo. L’atto più clamoroso di terrorismo internazionale di inizio secolo si è verificato negli USA l’11 settembre 2001, con i quattro aerei di linea dirottati da terroristi appartenenti alla rete di Al Qaeda. Gli attentati causarono la morte di circa 3000 persone: due aerei colpirono le Torri Gemelle, il terzo si schiantò contro il Pentagono e il quarto, forse diretto contro il Campidoglio o la Casa Bianca, precipitò in Pensilvania grazie alla rivolta dei passeggeri. 

Questo attacco senza precedenti fece sorgere negli USA le più disparate teorie del complotto, che imputavano l'accaduto a soggetti estranei al terrorismo islamico.

La distruzione del World Trade Center, poi chiamato Ground Zero, è stata una ferita enorme per la città di New York e per l'America tutta, simbolicamente rimarginata dalla ricostruzione del New World Trade Center: in occasione del decennale degli attentati è stato aperto al pubblico il memoriale delle vittime, con due vasche d'acqua posizionate sulle fondamente delle torri abbattute; nel 2014 è stato inaugurato il One World Trade Center, alto 1776 piedi (541 metri e 32 cm), il quinto grattacielo più alto al mondo, la cui altezza simboleggia l'anno della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d'America.

Per una cronologia degli attacchi terroristici in Europa dal 2004 al 2019 leggi qui.

Immagine Credits Stiller Beobachter from Ansbach, Germany, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons.

Il “villaggio globale”

Cosa significa dire che il mondo è diventato un “villaggio globale”? Con questa celeberrima locuzione, il sociologo canadese Marshall McLuhan ha voluto indicare la condizione attuale del nostro pianeta Terra dal punto di vista della facilità, diffusione, economicità e velocità tanto delle comunicazioni quanto degli spostamenti. Sintetizzando si potrebbe affermare che il pianeta si è rimpicciolito divenendo piccolo come un villaggio dove tutti si conoscono e si raggiungono facilmente, oppure che tutte le principali caratteristiche del mondo si possono facilmente ritrovare nelle nostre città, in termini di persone o beni che la globalizzazione ci pone a portata di mano indipendentemente dalla loro origine geografica.

Stampa la mappa sul terrorismo globale

Per stampare la mappa con le guerre e gli attacchi terroristici principali dal 2000 ad oggi, scarica il pdf in bianco e nero qui: