Il primo re d'Italia: Vittorio Emanuele II

Più giovane di Cavour e di Garibaldi, e probabilmente dotato anche di un’inferiore statura politica, il re Vittorio Emanuele II si contraddistingue tuttavia per la forza del carattere, l’ardimento in guerra e la fermezza dimostrata da alcune scelte non facili da prendere, compresa la tormentata vicenda delle leggi Siccardi, che abolivano drasticamente alcuni privilegi ecclesiastici in un Piemonte allora cattolicissimo.

Appunti

Vittorio Emanuele II nasce a Torino nel 1820. Da piccolo, scampa fortunosamente a un incendio che ucciderà la sua balia. Crescendo, non dà sfoggio di particolari interessi o abilità scolastiche, ma piuttosto manifesta una spiccata passione per la caccia e il mestiere della guerra. Insofferente ai cerimoniali, ai banchetti e a ogni sorta di etichetta, il futuro primo re dell’Italia unita non disdegna le avventure passionali, culminate nella generazione di figli illegittimi e, alla fine, persino in un matrimonio con una donna di bassa levatura sociale, passata alla storia come “la bella Rosina”.

Nel 1859 conduce la seconda guerra d’Indipendenza e nel 1861 viene incoronato primo re dell’Italia unita.

Muore nel 1878 a Roma.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale su Vittorio Emanuele II re d'Italia

Mappa mentale su Vittorio Emanuele II re d'Italia

Il re: galantuomo o volgare?

Il re: galantuomo o volgare?

Viva Verdi

Viva Verdi

Citazione di Vittorio Emanuele II

Citazione di Vittorio Emanuele II

Stampa la mappa su Vittorio Emanuele II re d'Italia

Stampa la mappa su Vittorio Emanuele II re d'Italia