La peste

Da dove arriva la peste? Nell’antichità troviamo molte tracce di epidemie attribuite alla peste: dalla peste di Atene (V a. C.), a quella antonina (II d. C). Oggi però sappiamo che, con ogni probabilità, non di vera peste si trattava bensì di altre epidemie altrettanto mortifere, quali vaiolo, morbillo e tifo. 

Appunti

La peste del Trecento, chiamata anche peste bubbonica o peste nera, devasta l’economia, la società, i commerci, la politica e gli stili di vita di milioni di persone in Europa, arrivando a sterminare fino a un terzo della popolazione presente. Le conseguenze sono terrificanti: crollo demografico, dei consumi, dei traffici e, in generale, di tutte le attività umane. Ma, come sempre accade, anche da un simile flagello l’uomo prova a difendersi e, a tempo debito, a rialzarsi per riprendere le proprie attività.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale della peste

Mappa mentale della peste

La peste di Boccaccio e di Manzoni

Video youtube

La peste ritorna in diverse opere letterarie. Per esempio:

  • Boccaccio usa la peste fiorentina del Trecento come cornice letteraria per giustificare l’ambientazione del suo Decameron.
  • Nei Promessi sposi di Alessandro Manzoni (1840 - 1842) il perfido Don Rodrigo muore proprio per causa dell’epidemia.

Per approfondire guarda il video.

Stampa la mappa sulla peste

Stampa la mappa sulla peste