Cosa sono le preposizioni improprie

Scopri cosa sono le preposizioni improprie. Si tratta di avverbi, aggettivi e verbi che acquistano la funzione di preposizione solo quando precedono un nome o un pronome usato come complemento indiretto.

Appunti

Le preposizioni improprie non sono delle vere e proprie preposizioni nella forma, ma ne assumono la funzione

Possono essere costituite da avverbi, aggettivi e verbi al participio che precedono un nome o a un pronome in funzione di complemento indiretto.

In alcuni casi sono seguite direttamente dall’articolo che sta prima del nome, in altri da una preposizione semplice o articolata.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per studiare cosa sono le preposizioni improprie

Per studiare cosa sono le preposizioni improprie è necessario conoscere:

Preposizioni improprie formate da avverbi

Possono assumere la funzione di preposizioni improprie gli avverbi come contro, davanti, dietro, dentro, fuori, prima, dopo, sopra, sotto

Questo avviene quando precedono un nome o un pronome, come nelle frasi di esempio che trovi nella tabella.

Preposizioni improprie formate da aggettivi

Anche alcuni aggettivi come lungo, lontano, vicino, salvo e secondo diventano preposizioni improprie quando precedono un nome. In questo caso si usano nella forma indeclinabile del maschile singolare.

Studia gli esempi nella tabella per capire la differenza tra l’uso in funzione di aggettivi e quello con il valore di preposizioni improprie.

Preposizioni improprie formate da verbi al participio

Alcuni verbi al participio sono usati come preposizioni improprie davanti a nomi e pronomi. Si tratta di durante, eccetto, escluso, incluso, stante, dato

Scopri come utilizzarli nelle tue frasi osservando gli esempi della tabella.