L'imperativo

Come si esprimono ordini, inviti e divieti? Con l’imperativo, un modo finito particolare che ha soltanto un tempo, il presente, e due persone, la seconda singolare e la seconda plurale.

Appunti

L’imperativo, dal latino imperare, è il modo che serve per comandare.

Si usa solo nelle frasi indipendenti e ha soltanto il tempo presente. Per coniugarlo ti basta conoscere la seconda persona singolare e la seconda plurale, perché per le altre quattro persone l’imperativo non ha una forma, ma prende in prestito quelle del congiuntivo presente.

Impara a usare anche l’imperativo negativo e dare ordini sarà un gioco da ragazzi.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per studiare l'imperativo

Per studiare l'imperativo è necessario conoscere: 

Le due persone dell’imperativo

L’imperativo ha soltanto due persone, la seconda singolare (tu) e la seconda plurale (voi).

Questo perché nella maggior parte dei casi, quando si dà un ordine, ci si rivolge direttamente ai propri interlocutori, cioè a chi ascolta, indicato in grammatica dalla seconda persona.

Esempi:

Prepara lo zaino, forza!

Preparate i biglietti per il controllore!

Il congiuntivo esortativo

Se vuoi dare ordini alla terza persona singolare, alla prima plurale o alla terza plurale, devi usare il congiuntivo presente che assume valore esortativo.

Esempi:

Pensi pure quello che vuole!

Presto, mettiamo tutto a posto!

Che facciano qualcosa anche loro!

Il congiuntivo esortativo, che può essere preceduto da che o accompagnato da pure, ti permette quindi di completare la coniugazione dell’imperativo.

Ti capiterà raramente, invece, di dover usare il congiuntivo esortativo alla prima persona singolare per dare ordini a te stesso. Se dovessi averne bisogno, puoi comunque usare anche la prima persona plurale del congiuntivo presente per “auto-incoraggiarti”. Così Laura, davanti a una situazione problematica, potrebbe dire a se stessa la frase Laura, non facciamoci prendere dal panico!

L’imperativo negativo

E come fare per dare ordini in forma negativa?

Per la seconda persona plurale basta mettere la negazione non prima dell’imperativo (Non gridate!).

Per la seconda persona singolare, invece, devi ricordarti di usare l’infinito presente preceduto dalla negazione non al posto dell’imperativo (Non gridare!).

La coniugazione attiva, passiva e riflessiva dell’imperativo

Ora che hai visto le funzioni dell’imperativo, studiane la coniugazione seguendo il modello dei verbi parlare, credere e partire. Fai attenzione ai verbi irregolaricome dire che hanno una forma tronca con l’apostrofo per la seconda persona singolare dell’imperativo (di’).

Scarica la scheda per studiare la coniugazione attiva dell’imperativo:

L’imperativo può essere anche passivo: per formalo basta prendere l’imperativo del verbo essere seguito dal participio passato del verbo da coniugare ed ecco che l’imperativo passivo è pronto per essere usato. Scopri come coniugarlo nella scheda:

E come si comportano i verbi riflessivi all’imperativo? Mettiti in fila! Si faccia gli affari suoi! Guardiamoci negli occhi! Si diano da fare! Per studiare la coniugazione riflessiva dell’imperativo scarica la scheda: