Riassumere un testo

Saper riassumere un testo significa averlo compreso a fondo e aver individuato i concetti fondamentali. Per questo è un'abilità essenziale per lo studio, perché aiuta a trattenere e memorizzare più facilmente le informazioni principali.

Scopri i passaggi da seguire per fare una sintesi efficace di un testo.

Appunti

A cosa serve il riassunto? Ti permette di individuare le informazioni più importanti all'interno di un testo per darne una versione sintetica, ma comunque completa di tutto ciò che non può essere tralasciato.

È un ottimo esercizio per la comprensione di un testo perché ti obbliga a leggere attentamente per cogliere il senso generale e selezionare le informazioni, riconoscendo le sequenze e i nessi tra una e l'altra.

L'abilità di sintesi non è utile solo nella vita scolastica, ma ti abitua a scrivere e a dire solo l’essenziale, senza dilungarti troppo in inutili giri di parole.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Cos’è il riassunto?

Il riassunto è la sintesi di uno scritto o di un discorso.

Il riassunto può essere fatto a voce oppure per iscritto, presentando in forma abbreviata solo i concetti essenziali del testo o della lezione in questione.

È utile per studiare perché ti aiuta a selezionare e a memorizzare le informazioni più importanti. Deve essere quindi breve e sintetico, ma non deve tralasciare i dati fondamentali che il testo ti sta comunicando.

Leggere per riassumere

Per riassumere un testo bisogna leggerlo con attenzione facendo attenzione a:

  • comprendere il senso generale del testo;
  • individuare le informazioni principali e scartare quelle meno importanti;
  • suddividere il testo in sequenze e collegare quelle che parlano dello stesso argomento.

Ma come si riconoscono le sequenze? Sono le parti di un testo che hanno una loro compiutezza e autonomia nel significato. I capoversi possono aiutarti a riconoscerle, ma in generale tieni presente che il passaggio da una sequenza all'altra implica uno sviluppo: può essere l'entrata in scena di un nuovo personaggio, un cambiamento nel luogo o nel tempo, l'introduzione di una riflessione del narratore. Se riesci a sintetizzare le sequenze, per esempio attribuendo un titolo a ciascuna di esse, potrai comporre il tuo riassunto mettendo insieme in modo ordinato le tue annotazioni.

Scrivere un riassunto

Nello scrivere un riassunto è importate seguire un filo logico. Puoi farti guidare dalla regola delle 5 W, rispondendo alle domande:

  • chi (who),
  • cosa (what),
  • quando (when),
  • dove (where) e
  • perché (why).

Ecco qualche accorgimento:

  • elimina i particolari superflui e generalizza le informazioni;
  • evita i giudizi personali;
  • usa frasi brevi e semplici;
  • trasforma la prima persona in terza persona;
  • trasforma i discorsi diretti in discorsi indiretti.

La lunghezza del riassunto

Il riassunto non deve essere una riscrittura lunga come il testo di partenza. La sua lunghezza non dovrebbe essere superiore a un terzo del testo.

Nelle consegne dei riassunti, infatti, di solito viene indicato un limite massimo di caratteri (o di parole) da rispettare.

Ma si può sintetizzare un testo in soli 140 o 280 caratteri? Bisogna essere estremamente sintetici, ma usare la lunghezza di un tweet come misura di riferimento può essere un ottimo esercizio per imparare a individuare ciò che è davvero essenziale in un testo.

Alenati anche a dare un titolo ai brani che leggi! Il titolo deve racchiudere in 3, massimo 5 parole il messaggio del testo. E' un ottimo esercizio di sintesi. 

Esempi di riassunto

Nella scheda trovi un passo di Peter Pan nei giardini di Kensington di James Matthew Barrie.

Nella seconda pagina ci sono due riassunti: 

  • uno di circa un terzo della lunghezza del testo e
  • l'altro più sintetico, abbastanza corto da poter essere usato come tweet!

E tu? Come avresti riassunto lo stesso brano? Leggi la scheda ed esercitati a sintetizzare tutti i testi che vuoi.

Scarica il pdf da stampare qui: