Ricerche online e fake news

Scopri qualche trucco per le tue ricerche sul web e impara a riconoscere e a difenderti dalle fake news.

Appunti

Fare una ricerca online non è semplice come sembra: bisogna sapere cosa cercare e come cercarlo e usare bene il motore di ricerca.

Una volta trovate le informazioni, è fondamentale verificarne l'attendibilità: un controllo incrociato e l'attenzione ad alcuni indicatori "spia" può aiutarci a rintracciare le fake news e a difenderci da chi cerca di diffondere la disinformazione.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Motori di ricerca

Quali sono i motori di ricerca più usati?

La classifica è dominata da Google, con più del 90% del mercato, primo sia per numero di risorse sia per la pertinenza dei risultati di ricerca.

Al secondo posto c'è Bing, il motore di ricerca sviluppato da Microsoft.

In Russia e in Cina, invece, prevalgono motori di ricerca alternativi come Yandex e Baidu.

Esistono anche motori di ricerca sensibili al tema della sostenibilità: è il caso di Ecosia, nato in Germania nel 2009, che dona l’80% dei proventi ricavati dalla pubblicità per il sostegno a programmi di riforestazione in vari Paesi del mondo, dal Brasile al Burkina Faso.

Trucchi per le ricerche in rete

La rete offre un'enormità di risorse per le ricerche, fonti generaliste o specializzate, in italiano ma anche in inglese, istituzionali o di singoli individui. Questa facilità di accesso, però, può diventare un'arma a doppio taglio se non sai bene cosa cercare e come cercarlo, perché è difficile destreggiarsi in un numero enorme di risultati. 

La prima cosa da stabilire, quindi, è la parola chiave da inserire nel motore di ricerca. Se utilizzi una keyword generica, otterrai molti risultati che possono toccare anche aspetti non pertinenti al tuo obiettivo. In questo caso è utile raffinare la ricerca provando a usare una keyword più specifica: si parla di long tail keywords (a coda lunga), contrapposte alle short tail keywords, proprio per riferirsi a parole chiave formate da 3 o più parole, che delimitano meglio il campo della ricerca. 

Anche i suggerimenti che il motore di ricerca ti offre mentre digiti la parola chiave sono un aiuto per raffinare la ricerca, così come le ricerche correlate proposte in fondo alla pagina.

Fact checking

È importante verificare sempre l'attendibilità delle fonti che consulti. Il criterio da seguire deve essere il dubbio: non accontentarti di una sola fonte, ma cerca conferme in altri siti, perché, se una notizia è vera, è probabile che sia riportata da più fonti.

Controlla sempre le date e preferisci le notizie più recenti e aggiornate. 

Verifica anche l'autorevolezza del sito o dell'autore della notizia. Se l'autore è dichiarato puoi cercare informazioni per scoprire di quali argomenti si occupa abitualmente; in alternativa puoi consultare la sezione “Chi siamo” del sito. Preferisci i siti di istituzioni ufficiali, università, organizzazioni non governative, che ti danno la garanzia di informazioni verificate.

Fai attenzione, invece, ai siti con nomi e url che storpiano quelli di testate giornalistiche famose: Il Fatto Quotidaino e La Repubbica sono esempi di questi siti diffusori di fake news, che mirano a trarre in inganno il lettore con nomi e grafica simili a quelli dei giornali seri di cui storpiano il nome.

I titoli delle fake news

La prima cosa che attira l'attenzione su una notizia è il titolo.

Chi scrive online vuole far comparire i suoi articoli nelle prime posizioni dei risultati di ricerca e perciò deve utilizzare le keywords giuste nei titoli, senza superare il limite massimo di 70 caratteri. Spesso il titolo è seguito da una descrizione compresa tra i 160 e i 320 caratteri che chiarisce il focus dell'articolo e mira a suscitare la curiosità di chi legge.

Queste regole della SEO (Search Engine Optimization - per approfondire guarda questo video -), però, sono ben note anche a chi scrive fake news. I titoli di queste "bufale", infatti, sono studiati con il preciso scopo di catturare l'interesse del lettore, incitandolo a condividere la notizia. Ci sono degli elementi che possono farti insospettire: 

  • parole come "shock, allarme, attenzione" e aggettivi sensazionali come "incredibile, clamoroso" e simili;
  • parole scritte in maiuscolo;
  • punti esclamativi;
  • call to action che spingono alla condivisione.

 

Se trovi alcune di queste caratteristiche nel titolo o nella descrizione di un articolo, sii diffidente: leggi tutto l'articolo, senza fermarti alle prime righe, così potrai avere più elementi per capire se si tratta di una notizia falsa.

L'uso delle immagini

Oltre al titolo, anche le immagini hanno un forte impatto emotivo sul lettore. Per questo chi scrive fake news spesso si serve di fotomontaggi o immagini manipolate.

Così, per esempio, il cartello per uno sciopero scolastico per il clima tenuto in mano da Greta Thunberg è diventato un cartello No Tav. Non è l'unico esempio di uso ingannevole di immagini legato al movimento dei Fridays For Future: dopo le loro manifestazioni del 2019, infatti, sono circolate foto di strade piene di rifiuti e cartacce con l'intento di screditare questi ragazzi, sottolineandone l'incoerenza. Le foto, tuttavia, non sono state scattate in quell'occasione, ma sono state utilizzate fuori contesto.

Per scoprire e difenderti da questo tipo di inganni puoi usare la ricerca per immagini di Google: salva l’immagine dal contenuto sospetto e caricala nel motore di ricerca cliccando l’icona della macchina fotografica; in questo modo troverai l’immagine con la sua reale descrizione.

Esercitati a fare ricerche

Ora prova a mettere in pratica quello che hai imparato. 

Per esercitarti puoi approfondire due temi molto attuali come:

  • la sostenibilità: puoi concentrarti sui 17 Obiettivi dell'Agenda 2030 ONU. Ricordati di scegliere fonti attendibili come il sito delle Nazioni Unite e quello dell'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, da cui sono tratti i contenuti del laboratorio Sostenibilità;
  • la pandemia: fai attenzione alle molte fake news circolate sul Coronavirus, che hanno portato l'Organizzazione Mondiale della Sanità a coniare il termine "infodemia". Il portale dedicato del Ministero della Salute, infatti, ha creato una pagina per smentire le notizie false sul Covid-19.