I terremoti

Il pianeta Terra è continuamente soggetto a movimenti provocati dagli spostamenti delle zolle nelle quali è suddivisa la litosfera.

Questi spostamenti generano tensioni e deformazioni a carico delle rocce all’interno delle quali si accumula energia.

Appunti

Il pianeta Terra è continuamente soggetto a movimenti provocati dagli spostamenti delle zolle nelle quali è suddivisa la litosfera.

Questi spostamenti generano tensioni e deformazioni a carico delle rocce all’interno delle quali si accumula energia.

Quando l’energia accumulata si libera improvvisamente genera vibrazioni più o meno violente chiamate terremoti o sismi.

L’energia si libera sotto forma di onde sismiche a partire dall’ipocentro sulla cui verticale si trova in superficie l’epicentro.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Le onde sismiche

Esistono tre tipologie principali di onde sismiche:

  • ONDE P dette anche primarie, si propagano dall’ipocentro in modo sferico e in tutti i materiali. Sono le onde più veloci ( tra 7 e 13 km/s) e causano nelle rocce oscillazioni longitudinali (avanti e indietro nella stessa direzione dell’onda);
  • ONDE S dette anche secondarie, si propagano dall’ipocentro solo nei solidi con una velocità tra i 4 e i 7 km/s causando nelle rocce oscillazioni trasversali (perpendicolari rispetto alla direzione dell’onda);
  • ONDE L dette anche lunghe, si propagano dall’epicentro in modo concentrico vicino alla superficie con velocità di circa 3 km/s. Sono le onde che causano danni maggiori.

Le scosse che vengono avvertite in superficie possono essere classificate come:

  • SCOSSE SUSSULTORIE sono oscillazioni verticali ;
  • SCOSSE ONDULATORIE sono oscillazioni orizzontali.

Classificazione dei terremoti

Classificazione dei terremoti

Strumenti di misurazione dei terremoti

Strumenti di misurazione dei terremoti

Intensità dei terremoti

Intensità dei terremoti

Aree sismiche

Aree sismiche

Previsione e prevenzione

Previsione e prevenzione