Archimede

Qui trovi le notizie essenziali su Archimede, matematico, fisico e inventore siracusano.

Archimede è stato uno dei più grandi scienziati e matematici di tutti i tempi, i suoi contributi spaziano dalla geometria all'idrostatica, dall'ottica alla meccanica.

Ha calcolato la superficie e il volume della sfera e ha scoperto le leggi che regolano il galleggiamento dei corpi e il funzionamento delle leve.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Biografia di Archimede

Sulla vita di Archimede abbiamo pochi dati certi e molti aneddoti incerti, che hanno contribuito a creare la figura dello scienziato nell'immaginario collettivo.

Nasce a Siracusa intorno al 287 a.C., ha contatti con gli studiosi di Alessandria d'Egitto ed è amico di Conone, matematico e astronomo di Samo.

Forse ereditando dal padre l'amore per le discipline scientifiche, si occupa di tutte le branche della scienza, dall'aritmetica alla geometria, dalla meccanica all'ottica, dall'idrostatica all'astronomia. Durante la seconda guerra punica, combattuta tra Roma e Cartagine tra il 218 e il 202 a.C., realizza delle macchine belliche per la difesa della città di Siracusa su richiesta del tiranno Gerone II.

Muore nel 212 a.C. durante il sacco romano di Siracusa.

Dicono di Archimede

Archimede ha scoperto le leggi che regolano il galleggiamento dei corpi, da cui deriva il famoso Principio di Archimede:

“Un corpo immerso in un fluido (liquido o gas) riceve una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del volume di fluido spostato”.

L'intuizione sarebbe arrivata mentre Archimede faceva il bagno, notando l'innalzamento del livello dell'acqua dopo la sua immersione. L'aneddoto racconta che per la gioia Archimede sarebbe uscito in strada nudo urlando eureka, ho trovato!

Le sue abilità ingegneristiche gli hanno inoltre permesso di costruire diverse macchine, per lo più belliche, capaci persino di sollevare un peso pari a quello di una nave. Esaltato dal risultato ottenuto, avrebbe pronunciato la celebre frase "Datemi un punto d'appoggio e vi solleverò il mondo", a riprova di quanto le sue scoperte a proposito del funzionamento delle leve fossero sbalorditive per l'epoca.

Di Archimede sono anche il progetto di un ingegnoso orologio ad acqua e un apparecchio noto come planetario che riproduceva la volta celeste e il moto dei pianeti.

Importantissimo il trattato La misura del cerchio, dove Archimede dimostra che un cerchio equivale a un triangolo con base uguale alla circonferenza e altezza uguale al raggio e ottiene un'approssimazione molto precisa del valore che oggi si indica con π. Le sue conquiste in campo geometrico riguardano anche la parabola e soprattutto la sfera, della quale è riuscito a calcolare la superficie e il volume. Un'opera perduta doveva contenere anche la descrizione di 13 poliedri semiregolari ancora oggi noti con il nome di poliedri archimedei.

I lavori di Archimede rappresentano uno dei punti di massimo sviluppo della scienza nell'antichità e la prima applicazione delle leggi della geometria alla fisica, metodo che ha influenzato Galileo tanto da fargli definire Archimede come suo maestro.

In onore di Archimede sono stati nominati sia il cratere lunare Archimede sia l'asteroide 3600 Archimede.

Citazioni famose di Archimede

“Datemi un punto d'appoggio e vi solleverò il mondo".
“Superare le proprie limitazioni e divenire signori dell'universo”.
“Coloro che pretendono di scoprire tutto, ma non producono prove dello stesso, possono essere confutati come se avessero effettivamente preteso di scoprire l'impossibile”.
Saldi con Carta del docente e 18App
Saldi con Carta del docente e 18App