I complementi

I complementi sono gli elementi che "completano" il significato della frase. Impara a distinguerli in diretti, indiretti e avverbiali.

Appunti

I complementi si distinguono in:

  • diretti: uniti direttamente al predicato senza bisogno di preposizioni
  • indiretti: sempre introdotti da una preposizione
  • avverbiali: formati da avverbi.

Impara a riconoscerli e a capire se la loro presenza è essenziale oppure no all'interno della frase.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per studiare i complementi

Per studiare i complementi è necessario conoscere:

Complementi necessari e accessori

I complementi servono ad aggiungere informazioni rispetto alla frase minima formata da soggetto e predicato.

In alcuni casi, queste informazioni aggiuntive sono fondamentali per la compresione del significato e quindi i complementi sono necessari: fanno parte della frase nucleare e sono richiesti dal verbo.

Esempi:

Francesca guarda le stelle.

Giorgia abita a Roma.

Togliendo il complemento, le due frasi perdono significato perché guardare e abitare sono verbi bivalenti che hanno bisogno di 2 argomenti.

In altri casi, invece, i complementi sono accessori perché, anche togliendoli, la frase continua ad avere senso compiuto.

Esempi:

Elena parte (da Catania).

Il cane abbaia (per la fame).

I complementi diretti

I complementi diretti sono quelli che si uniscono direttamente al predicato senza bisogno di preposizioni.

Per esempio nella frase

Luca beve una spremuta

il complemento una spremuta è diretto.

Sono complementi diretti il complemento oggetto, il predicativo del soggetto e il predicativo dell’oggetto.

I complementi indiretti

I complementi indiretti si uniscono al soggetto o al predicato tramite l’uso di preposizioni semplici o articolate.

Esempi:

Lo zaino di Paolo è pesante.

Lucrezia va al cinema.

Nel primo esempio il complemento indiretto di Paolo si riferisce al soggetto, è accessorio e specifica a chi appartiene lo zaino.

Nel secondo caso, invece, il complemento indiretto al cinema è necessario e completa il significato del predicato.

I complementi indiretti sono molti: scoprili tutti nelle prossime lezioni.

I complementi avverbiali

I complementi avverbiali sono formati da avverbi o locuzioni avverbiali. Possono avere questa forma, per esempio, i complementi di tempo, di luogo e di modo, come negli esempi che seguono:

Laura arriva tardi.

Ci vediamo .

I ragazzi ascoltano attentamente la guida.