Giornata Internazionale delle Donne e delle Ragazze nelle Scienze

11 Feb 2019

La Giornata Internazionalle delle Donne e delle Ragazze nelle Scienze

La Giornata Internazionale delle Donne e delle Ragazze nelle Scienze, istituita dall’UNESCO, si celebra l’11 febbraio.

La Giornata Internazionale delle Donne e delle Ragazze nelle Scienze serve a celebrare ma anche a ispirare! Solo 17 donne hanno vinto un premio Nobel in Fisica, Chimica o Medicina, rispetto a 572 uomini. Attualmente solo il 28% dei ricercatori scientifici nel mondo sono donne. Questa non è la dimostrazione che le donne sono negate per la scienza, ma di come sia in atto da secoli, e come sia tuttora attiva, la discriminazione di genere nella scienza.

Quante di noi sono cresciute convinte di non “essere portate” per la matematica? E con questo stereotipo appiccicato addosso cresciamo e riproponiamo, nemmeno del tutto consapevoli, il paradigma alle nostre figlie e alle nostre nipoti.

L’11 febbraio al Liceo Fogazzaro di Vicenza Redooc partecipa al progetto STEM-scienze al femminile del Liceo Fogazzaro – PROGRAMMA prog STEM 11 febbraio con moduli iscrizione_esterni

Nel 2015 è stata istituita dall’UNESCO la Giornata Internazionale delle Donne e delle Ragazze nelle Scienze “atta a riconoscere il ruolo critico che le donne e le ragazze giocano nel mondo della scienza e della tecnologia” e a promuovere il ruolo femminile in campo scientifico, nella profonda convinzione che una maggiore partecipazione delle donne nella scienza possa, nel medio e lungo termine, portare a una maggiore attenzione e consapevolezza delle problematiche ambientali e della conservazione e cura dell’intero pianeta. Un altro stereotipo? Il ruolo di cura di cui le donne si sono fatte carico ampliato a livello planetario? Forse, ma la presenza femminile nella scienza, oltre che un atto di giustizia sociale e un traguardo storico di importanza epocale, non può che costituire una ricchezza se non altro in termini di “biodiversità” di metodi, pratiche, concetti, atteggiamenti.
E la biodiversità è sempre un bene, sia in natura che nelle società umane.

Redooc da sempre si è posta l’ambizioso obiettivo di comunicare la matematica e le materie STEM in modo creativo e laterale, togliendole quella patina polverosa e malsana di cui è ricoperta, a volte, nella scuola tradizionale e promuovendola, al contrario, tra le materie più divertenti e affascinanti che l’umanità (uomini e donne) si sia mai inventata.

Festeggiamo insieme l’11 febbraio 2019 la Giornata mondiale delle donne e delle ragazze nelle Scienze cercando di cambiare punto di vista sulla matematica e di assaporare e far assaporare il fascino dell’avventura scientifica. Perché, come diceva Galilei (un uomo, pazienza!), “Il libro della natura è scritto in caratteri matematici” e, come diciamo a Redooc,  “La matematica è uno sport a portata di tutti”!

Ci sono splendide storie di donne scienziate che hanno dato un grande contributo al progredire del sapere, nonostante gli ostacoli e le difficoltà, far conoscere queste storie significa anche costruire dei modelli per le ragazze e i ragazzi del futuro.

Alcune le abbiamo raccontate qui.

Ipazia
Maria Gaetana Agnesi
Marie Sophie Germain
Emma Castelnuovo
Maryam Mirzakhani

Ci sono altre splendide storie nel libro di Chiara Burberi e Luisa Pronzato Ragazze con il pallino (per la matematica)

Vi consigliamo anche di leggere Ragazze con i numeri di Vichi De Marchi e Roberta Fulci, che sarà presto oggetto di un evento di social reading in collaborazione con TW letteratura che Redooc sostiene e promuove e al quale invitiamo tutti e tutte a partecipare! Scienza e letteratura insieme: bello, no?

 

Saldi con Carta del docente e 18App
Saldi con Carta del docente e 18App