Eliana Salvi intervistata per il mese delle STEM

28 set 2016

Eliana Salvi

Intervista a Eliana Salvi per il Mese delle STEM. Durante il Mese delle STEM intervistiamo donne con un diverso rapporto con le materie STEM a scuola, nel lavoro e nel quotidiano.

Questa intervista è contenuta nel libro “Le ragazze con il pallino per la matematica“.

Ecco qualche informazione in più su Eliana Salvi:

Eliana Salvi è la fondatrice di Pinktrotters. E’ nata e vissuta ad Ascoli Piceno. All’età di 19 anni si è trasferita a Milano dove ha studiato International Management all’Università Bocconi. Dopo la laurea, è entrata in una multinazionale inglese attraverso un graduate program e ha iniziato una brillante e veloce carriera all’interno del gruppo per 6 anni.

Alla fine del 2013, la sua passione per i viaggi e per la conoscenza di diverse culture l’hanno portata a lasciare alle sue spalle il lavoro sicuro di ufficio come Finance Manager e ad intraprendere la strada imprenditoriale. L’ispirazione nel creare Pinktrotters nasce dall’aver viaggiato molto per lavoro e per motivi personali.

Eliana crede che le esperienze da vivere siano più divertenti e gustose se condivise, specialmente per una donna che molto spesso si trova in situazioni poco piacevoli di viaggio da sola in posti sconosciuti e poco amicali. Eliana ha sempre trovato complicato il potersi connettere tra donne e trovare nuove amiche mentre si viaggia, ottenendo da esse consigli al femminile su dove trovare negozi adatti, parrucchieri, eventi del momento, posti sicuri e consigliati con autorevolezza da persone dai gusti simili.

Per questo motivo nasce Pinktrotters; uno strumentoutile, una community internazionale di donne che si conoscono condividendo il loro tempo libero attraverso eventi e viaggi di città in città. Parla 4 lingue, ama danzare, correre maratone (ne ha corse 3 intere), ballare, andare al cinema, suonare il piano, leggere.

Eliana Salvi intervistata per il mese delle STEM

Quale Liceo hai scelto?
Liceo Classico.
Qual era la tua materia preferita al liceo?
Greco. Ho sempre amato molto la cultura greca, i miti, e la lingua stessa. L’amore per la Grecia è rimasto con me, non passa estate che io non torri in quella terra stupenda.
Quale Università hai frequentato e perché?
Ero molto confusa sul percorso da intraprendere post liceo. Nei test attitudinali mi dicevano che sarei stata una bravissima e appassionata insegnante di fitness (quindi mi sarei dovuta iscrivere all’ISEF).
Poi avevo mio padre medico che mi ha spinto a studiare tutta l’estate per il test di medicina, che ho passato e poi rifiutato.
Mi sarei voluta iscrivere a Scienze Della Comunicazione ma mi sembrava all’epoca poco formativo e alla fine sono approdata a Economia Internazionale in Inglese in Bocconi. Decisione presa 1 settimana prima che l’Università iniziasse. Non mi sono pentita, ho fatto bene perchè penso che non fossi portata per altri tipi di lavori.
Se potessi tornare indietro nel tempo chi vorresti conoscere?
Santa Maria Teresa di Calcutta. Una donna che ha donato la sua vita completamente agli altri, sempre serena, sempre in pace con sé stessa. Un mito.
Chi ti ha ispirato e guidato nella tua carriera?
Molte persone mi hanno ispirato, molte altre mi hanno guidato e continuano a farlo.
Sia donne che uomini, quello che conta è come affrontano i problemi. Il giusto approccio a superarli è l’insegnamento più grande che si possa ricevere.
Una frase che non sopporti?
Basta crederci” – penso che confonda un po’ i giovani. Il crederci è fondamentale, ovviamente. E’ la base. Ma ci vuole ben altro per realizzare i propri sogni. Tanta determinazione, fatica, pazienza, continuo studio, continuo mettersi in gioco e tanto aiuto esterno.

Una frase che ripeti spesso

Tentar non nuoce” – mai aver paura di prendere una porta in faccia o un “no”. Anzi, sono proprio quelli che ci aiutano ad aggiustare il tiro e a capire cosa non va in noi o nel nostro modo di lavorare e comunicare. Buttarsi sempre!
Quanto hanno contribuito le tue conoscenze logico-matematiche nella tua carriera?
Molto direi, poiché sia durante l’Università che nel primo importante lavoro che ho fatto come Finance Manager, ho lavorato moltissimo con i numeri e tutt’ora è per me fondamentale avere dimestichezza con essi. La matematica è importante in qualsiasi lavoro.
Cosa fare per scoraggiare il fenomeno degli stereotipi di genere?
Dimostrare noi per primi che gli stereotipi sono frutto di “ciò che è sempre stato” e spaventa non poterlo cambiare. Ma il successo è di chi non ha paura, e dimostra che con l’impegno e il lavoro chiunque può fare qualsiasi tipo di lavoro (sempre che un lavoro non sia esclusivamente basato sulla forza fisica… lì le donne non possono fare molto :-))
Oggi fra i giovani la paura più grande è non riuscire a realizzarsi. Qual è il tuo consiglio?
Vi dico che ho paura anche io, dentro di me, tutti i giorni. Non lo dico spesso, lo tengo per me, ma credo che un po’ di paura la si abbia sempre.
Paura di aver intrapreso il percorso sbagliato, paura di non raggiungere i nostri obiettivi, paura di fallire.
Il mio consiglio per superare questi momenti è proprio pensare che sia normale avere paura, che non c’è niente di male, fare un bel respiro, non pensare al passato e pensare che c’è sempre una soluzione per ogni problema o errore che si commette.
Cos’è il successo per te?
Per me il successo è essere sereni dentro sé stessi. Raggiungere la piena consapevolezza di sé, impararsi a conoscere e vivere sereni con sé stessi e con gli altri. Non avere rancori, non pensare negativo, guardare avanti sempre con il sorriso.
Grazie Eliana! 
“Grazie a voi e ancora e complimenti per la bellissima iniziativa. Davvero utile!”
Sito Pinktrotters: www.pinktrotters.com
#BuoniPropositi2021 - Tutti i contenuti Redooc dalla Primaria all'Università per 6 mesi a 50,00€
#BuoniPropositi2021 - Tutti i contenuti Redooc dalla Primaria all'Università per 6 mesi a 50,00€