Intervista a Sveva Severi per il mese delle STEM

9 mag 2016

Sveva Severi

Intervista a Sveva Severi per il Mese delle STEM. Intervistiamo donne con un diverso rapporto con le materie STEM a scuola, nel lavoro e nel quotidiano. Ecco con un altro appuntamento con “Le studentesse vogliono contare”, la rubrica speciale in cui proponiamo una serie di interviste per offrire alle studentesse esempi di leadership al femminile.

Questa intervista è contenuta nel libro “Le ragazze con il pallino per la matematica“.

Sveva Severi si presenta così:

Sveva ha 42 anni, è nata e cresciuta in Romagna dove ha vissuto sino al conseguimento della maturità classica a Forlì, quindi si è trasferita a Milano, dove tuttora vive, per frequentare l’università Bocconi. Dopo la laurea ha lavorato nelle divisioni corporate finance di banche d’affari internazionali; dal 2001 lavora in Mediobanca dove attualmente si occupa del presidio delle società del Gruppo Bancario ed è membro del Consiglio di amministrazione di società del Gruppo italiane ed estere.

La famiglia è la colonna portante della sua vita: due splendidi bambini e un marito sempre presente ma mai invasivo.

 

Intervista a Sveva Severi per il mese delle STEM

Quale Liceo hai scelto?
Liceo Classico
Quale era la tua materia preferita al Liceo?
Mi piacevano in particolare le traduzioni dal greco/latino all’italiano. Occorreva principalmente avere logica, la stessa che mi è servita all’università in materie meramente scientifiche come la matematica
Quale Università hai frequentato e perché?
Ho scelto l’università Bocconi a Milano laureandomi in economia aziendale. Volevo conseguire una laurea che mi consentisse di lavorare ed essere economicamente indipendente il più rapidamente possibile, perché solo così mi sarei sentita veramente libera di decidere della mia vita. Nonostante la preferenza per le materie umanistiche, la scelta di una facoltà scientifica non mi ha creato problemi (ho superato brillantemente al primo tentativo gli esami di analisi e contabilità). Penso che se si mette passione in ciò che si fa si può riuscire in tutto e senz’altro lo studio/il lavoro diventa più piacevole
Se potessi tornare indietro nel tempo, chi vorresti conoscere?
Farei un’incursione nella Grecia classica del V secolo a.c., per vedere all’opera i grandi pensatori e artisti dell’epoca
Chi ti ha ispirato e guidato nella tua carriera?
Nelle varie fasi della mia vita ho avuto la fortuna di conoscere persone che ho stimato e da cui ho preso esempio
Una frase che non sopporti?
Non sono capace
Una frase che ripeti spesso?
Tutto passa (nel bene e nel male).
Quanto hanno contribuito le tue conoscenze logico – matematiche nella tua carriera?
Parecchio, tenuto conto che il lavoro che faccio ha anche aspetti molto quantitativi di analisi di bilancio, elaborazione dati, ecc. Questo perché ho scelto un certo tipo di percorso e di carriera; se avessi fatto, per dire, l’avvocato o la stilista probabilmente non mi sarebbero servite in egual misura
Cosa fare per scoraggiare il fenomeno degli stereotipi di genere?
Non fare dei pregiudizi un alibi per non provarci, cominciare da se stesse a dimostrare che “si può”
Oggi fra i giovani la paura più grande è non riuscire a realizzarsi. Qual è il tuo consiglio?
Avere fiducia in se stessi e non permettere a nessuno di decidere per te
Cos’è il successo per te?
Essere oggi come mi vedevo da grande (a 360° gradi)

 

Grazie Sveva!

Se ti è piaciuta l’intervista a Sveva Severi, leggi le altre qui.

Hai voglia di metterti in gioco? Scopri il primo Math Hackathon d’Italia! 
Per “Il Mese delle STEM”  (Science, Technology, Engineering e Mathematics) Redooc lancia il primo Math Hackathon for Girls italiano, perché “Nessuna nasce negata per la matematica!”. Redooc offre 3 mesi gratuiti di Premium Superiori. Qui la landing page Redooc per la registrazione.

Le interviste de “Il mese delle STEM” le trovate qui.

#natale2020 - Offerta di natale 2020!
#natale2020 - Offerta di natale 2020!