La didattica dovrebbe appassionare i ragazzi alla matematica. 28 nov 2014

matematica

Oggi prendiamo un caffè (con matematica) con Karen Nahum, che si presenta così:

“Ho una passione per il digitale come abilitatore del cambiamento sociale, per l’editoria in tutte le sue forme dal libro ai giornali alla tv alla radio e ai social ‘carta e digitale’, per l’arte contemporanea e il viaggio come percorso di scoperta. La mia vita professionale è strettamente collegata alle mie passioni e mi occupo di editoria digitale in De Agostini. Sono mamma di due bambini Matteo di 10 anni e Micol di 5 e cerco di trasmettergli entusiasmo per tutto quello che significa apertura, trasformazione, cultura, arricchimento, sperimentazione e contaminazione. Sono una entusiasta e forse un po’ troppo ottimista. La mia passione per la matematica è cominciata alle elementari con gli insiemi e le basi che forse non si insegnano più …”

La tua materia preferita al liceo era… se devo dire la verità non avevo una materia preferita mi piaceva un po’ tutto, ho fatto il liceo Classico, mi piaceva però sia matematica che italiano e storia,  la scelta non è stata semplice…

La matematica al liceo per te era… un punto fermo all’interno di un percorso di crescita culturale, mi aiutato a definire le cose a creare prospettiva e a definire le relazioni e a sviluppare la creatività.

Al tuo Prof. di matematica vorresti dire… che al Classico dovrebbero insegnare di più la matematica, e che la didattica dovrebbe far appassionare maggiormente alla materia.

Adesso per te la matematica è… dappertutto, non si può prescindere dalla matematica; è quello che cerco di insegnare anche ai miei figli. Mi dicono che sono malata di percentuali e totali, ma non riesco a fare un ragionamento se non parto da parametri di riferimento che mi consentano di mettere in relazione i fenomeni.

L’ultima volta che hai usato la matematica è… oggi, l’altra mania sono i tassi di conversione… chi lavora sul digitale ne sa qualcosa.

La volta che la matematica ti ha stupito … sempre, inizi a mettere in relazione i numeri e vengono delle idee creative per sviluppare i prodotti.

La volta che ti ha fatto arrabbiare… all’Università, da classicista, è stata un po’ una battaglia con tutto che il liceo classico allarga la mente; l’analisi matematica senza basi è stata una bella sfida.

Un libro di matematica da leggere è… Il mago dei numeri di Hans M Eisenzberger e R.S. Berner di Einaudi.

Un consiglio per i ragazzi del liceo… amare la matematica e cogliere l’occasione per impararla bene, sfruttare le opportunità anche legate all’apprendimento del pensiero computazionale e della programmazione.

Grazie Karen!