Il mese delle STEM: intervista a Karen Nahum

26 mar 2016

karen nahum

Intervista a Karen Nahum per il Mese delle STEM. Durante il Mese delle STEM intervistiamo donne con un diverso rapporto con le materie STEM a scuola, nel lavoro e nel quotidiano. Ecco con un altro appuntamento con “Le studentesse vogliono contare”, la rubrica speciale in cui proponiamo una serie di interviste per offrire alle studentesse esempi di leadership al femminile.

Questa intervista è contenuta nel libro “Le ragazze con il pallino per la matematica“.

Karen Nahum si presenta così:

La mia vita professionale è strettamente collegata alle mie passioni e mi occupo di editoria digitale in De Agostini come Digital Director di Scuola e Libri. Ho una passione per il digitale come abilitatore del cambiamento sociale, mi piace l’arte contemporanea e libri in tutte le forme.

Il mese delle STEM: intervista a Karen Nahum

Quale Liceo hai scelto?

Il liceo Classico, ma avrei potuto fare anche lo scientifico.

Quale era la tua materia preferita al Liceo?

Un po’ tutte, ho sempre avuto una passione per le storie delle persone.

Quale Università hai frequentato e perché?

Economia e Commercio indirizzo Marketing, perché mi era sembrato il percorso più opportuno per concretizzare le mie idee creative.

Se potessi tornare indietro nel tempo, chi vorresti conoscere?

Vorrei avere una conversazione con Albert Einstein.

Chi ti ha ispirato e guidato nella tua carriera?

Non una persona ma tante di entrambi i generi, con cui ho creato rapporti di profonda stima e che posso consultare per un confronto.

Una frase che non sopporti?

‘Non è possibile’.

Una frase che ripeti spesso?

‘Ci vuole passione nel fare le cose’.

Quanto hanno contribuito le tue conoscenze logico – matematiche nella tua carriera?

Tanto, l’attenzione per l’execution passa per una attenta valutazione delle variabili a disposizione, per ottenere i risultati anche con risorse limitate.

Cosa fare per scoraggiare il fenomeno degli stereotipi di genere?

Parlarne, sforzarsi di innovare i modelli e premiare il merito

Oggi fra i giovani la paura più grande è non riuscire a realizzarsi. Qual è il tuo consiglio?

Non mollare, non scoraggiarsi con le prime delusioni; il fallimento è una prova, metterci passione e cercare di individuare quello che permette di esprimere le proprie capacità e talenti al meglio, non tutti lo capiscono subito.

Cos’è il successo per te?

Dare il meglio di te, fare le cose che ti piacciono con le persone che stimi.

Qual è il tuo impegno per il mese delle Stem?

Per me è molto importante unire i puntini, riuscire a portare in ambito lavorativo le cose in cui credo fortemente come la necessità di sostenere le ragazze nello studio delle materie scientifiche. E’ stato bello lavorare al progetto noisiamopari.it che ha visto l’impegno di tante amiche tra cui Monica Parrella alle Pari Opportunità che ha proposto l’idea a Miur e Presidenza del Consiglio dei Ministri, Chiara Burberi che con Redooc che ci ospita sta facendo un lavoro di divulgazione fortissimo.
Con De Agostini Scuola questo mese proponiamo agli insegnanti una serie di incontri dedicati alle STEM che supportano l’attenzione al genere, abbiamo costruito un percorso http://blog.deascuola.it/articoli/ragazze-studentesse-stem-italia per costruire le lezioni in modo inclusivo e abbiamo realizzato una infografica a supporto.

Grazie Karen!

Se ti è piaciuta l’intervista a Karen Nahum, leggi le altre qui.

Hai voglia di metterti in gioco? Scopri il primo Math Hackathon d’Italia! 
Per “Il Mese delle STEM”  (Science, Technology, Engineering e Mathematics) Redooc lancia il primo Math Hackathon for Girls italiano, perché “Nessuna nasce negata per la matematica!”. Redooc offre 3 mesi gratuiti di Premium Superiori. Qui la landing page Redooc per la registrazione.

#ScuolaACasa - la scuola è chiusa? Studia da casa!
#ScuolaACasa - la scuola è chiusa? Studia da casa!