Noi siamo pari, il Mese delle STEM: Francesca Fiore

11 mar 2016

noi siamo pari

Il Mese delle STEM, all’interno del progetto “Noi siamo pari”, continua con il suo terzo appuntamento di “Le studentesse vogliono contare”, la rubrica speciale in cui proponiamo una serie di interviste per offrire alle studentesse esempi di leadership al femminile e del variegato rapporto con le materie STEM a scuola, nel lavoro e nel quotidiano.

Questa intervista è contenuta nel libro “Le ragazze con il pallino per la matematica“.

Oggi, per il Mese delle STEM, abbiamo il piacere di intervistare Francesca Fiore.

Francesca ha 20 anni di esperienza nelle telecomunicazioni, è consigliere di amministrazione e advisor di start-up fintech, media e telco.

 

Noi siamo pari – Le studentesse vogliono contare: intervista a Francesca Fiore

 

Quale Liceo hai scelto?

Il Classico, spinta dalla passione della mia famiglia per lo studio del latino e del greco. In qualche modo, la bisnonna greca ci ha influenzato per generazioni…

Quale era la tua materia preferita al Liceo? 

Fisica e a seguire Filosofia, mi aiutavano a ragionare. Studiare per le interrogazioni mi è sempre sembrato inutile e cercavo stimoli per valutare in modo più approfondito le cose.

Quale Università hai frequentato e perché?

Economia e Commercio dopo il liceo e Psicologia quasi venti anni dopo. La prima è stata ancora una volta una scelta “facile”: il curriculum era interessante e al termine offriva molti sbocchi lavorativi. In realtà, già allora mi appassionava il funzionamento della mente umana e Psicologia sarebbe stata la mia facoltà preferita. Per questo motivo, tanti anni dopo, ho deciso di iscrivermi di nuovo all’Università e completare la mia formazione…un’esperienza entusiasmante!

Se potessi tornare indietro nel tempo, chi vorresti conoscere?

Lista lunghissima ma più di tutti gli altri vorrei incontrare me stessa a 10 anni per conoscermi meglio e darmi consigli preziosi sul lavoro, gli uomini e i figli.

Chi ti ha ispirato e guidato nella tua carriera?

Mia nonna e il mio primo capo. Mia nonna parlava 7 lingue e dopo la morte di mio nonno, a 55 anni, ha deciso di iniziare a lavorare e girare il mondo. Il mio primo capo, un consulente irlandese gentile e mai stressato, che mi ha sempre detto: “hai le capacità per fare quello che vuoi nella vita”… grazie a questa iniezione di autostima ho affrontato sfide enormi.

Una frase che non sopporti?

“Ogni lasciata è persa”, in pratica tempo e destino governano la nostra vita

Una frase che ripeti spesso?

“Se vuoi, puoi” mi trasmette grande energia e rende tutto possibile grazie alla forza di volontà

Quanto hanno contribuito le tue conoscenze logico – matematiche nella tua carriera?

Moltissimo, in particolare in situazione di stanchezza e stress. E’ impossibile prendere decisioni con scarsa logica e numeri ballerini. Il vero problema è il tempo: con tanto tempo a disposizione chiunque può tornare sul ragionamento e sui dati per scrivere tutti i passaggi e verificarli ma la velocità di ragionamento il calcolo a mente sono i veri assi nella manica.

Cosa fare per scoraggiare il fenomeno degli stereotipi di genere?

Iniziare nella scuola primaria! In seconda SP, mia figlia Claudia si era convinta di non capire la matematica e quasi rifiutava di studiarla poi è arrivata una nuova insegnante e lei si è appassionata a questa materia

Oggi fra i giovani la paura più grande è non riuscire a realizzarsi. Qual è il tuo consiglio? 

Imparate ad imparare, viaggiate per usare le lingue che avete studiato e abbiate coraggio di continuare a cambiare.

Cos’è il successo per te?

La mia definizione di successo è cambiata più volte nel tempo. All’inizio era il successo nel lavoro, anticipare le tappe del percorso di crescita. Poi, il successo è diventato il riconoscimento pubblico, le interviste e i premi, diventare modello per giovani manager in azienda. Oggi il mio successo è discreto: si manifesta aiutando amici e conoscenti a realizzare la loro idea e crescendo quattro figlie che pensano di poter conquistare il mondo.

Grazie Francesca! 
Hai voglia di metterti in gioco? Curiosa del progetto “Noi siamo pari”? Scopri il primo Math Hackathon d’Italia! 
Per “Il Mese delle STEM”  (Science, Technology, Engineering e Mathematics) Redooc lancia il primo Math Hackathon for Girls italiano, perché “Nessuna nasce negata per la matematica!”. Qui la pagina Redooc per la registrazione.
#ScuolaACasa - la scuola è chiusa? Studia da casa!
#ScuolaACasa - la scuola è chiusa? Studia da casa!