Un caffè (con matematica) con Monica Regazzi 24 mag 2014

Cartolina Monica Regazzi Redooc

Oggi prendiamo un caffè (con matematica) con Monica Regazzi, che si presenta così:
Dopo la laurea in Economia Aziendale presso l’Università Bocconi e una prima esperienza di lavoro in JP Morgan, ho iniziato la mia carriera in Boston Consulting Group nel 2000. Da subito mi sono specializzata nel settore dei Financial Services, servendo primari gruppi bancari italiani ed internazionali e contribuendo allo sviluppo della practice negli ultimi anni, all’interno della quale sono la referente per il Private Banking e l’Asset Management. Sposata con Giovanni e mamma di Anna Sofia, da sempre nutro una grande passione per la ginnastica artistica e, più recentemente, ho scoperto il mondo della vela. Da alcuni anni, faccio inoltre parte degli Young Global Leader del World Economic Forum.

Questa intervista è contenuta nel libro “Le ragazze con il pallino per la matematica“.

La matematica al liceo per te era…

Ho scelto senza dubbi il liceo scientifico e devo ammettere che la matematica è sempre stata la mia materia preferita. Risolvere i problemi era per me una sorta di passatempo e più questi erano difficili, maggiore era la sfida e la soddisfazione nel riuscire a trovare la soluzione, non necessariamente al primo colpo…

Quando pensi ai tuoi insegnanti di matematica pensi a…
Ricordo con piacere due insegnanti che oserei chiamare dei “modelli”. La prima era la docente del biennio, una colonna del nostro Liceo: preparata e seria. La seconda è stata la nostra professoressa dell’ultimo anno, arrivata fresca di nomina. Giovane, appassionata e un po’ intimorita agli inizi, verso fine d’anno ci ha introdotto anche a tematiche non previste dal piano degli studi. Tematiche che ho poi ritrovato all’Università e che mi sono “giocata” all’esame di Matematica, superandolo brillantemente (anche grazie a lei).

Adesso per te la matematica è…
E’ il mio pane quotidiano. Il lavoro di consulente di direzione parte dai numeri, prosegue con l’analisi per concludersi con la formulazione di raccomandazioni utili al business dei nostri clienti. E’ il fondamento del mio lavoro.

L’ultima volta che hai usato la matematica è…
Se mi concedete la battuta, direi… un secondo prima di rispondere a queste domande!

La volta che la matematica ti ha stupito …
Ricordo quella volta che – nonostante non fossi preparata a dovere – dovetti sostituire un mio compagno in corso di interrogazione. Il problema era complesso e l’argomento nuovo per noi. Nonostante ciò, iniziai ad affrontare un passaggio alla volta, uno dopo l’altro e, alla fine, collegandoli l’un l’altro la soluzione fu più semplice di quanto pensassi.

La volta che ti ha fatto arrabbiare…
Vi sembrerà strano, ma quella volta che feci i calcoli per il mutuo della casa dei miei sogni… ecco, quella volta la realtà dei numeri fu veramente dura da accettare!

Un libro di matematica da leggere è…
Pensiero Magico, Pensiero Logico. E’ stato scritto dal mio collega francese Luc de Brabandere e indaga il rapporto tra logica e creatività, quanto mai indispensabile in un periodo così tumultuoso come quello presente.

Un consiglio per i ragazzi del liceo…
Forse più che agli studenti mi rivolgerei agli insegnanti. Educate i nostri ragazzi ad amare questa materia. Se insegnare è ciò che i professori danno agli studenti, educare è ciò che questi ultimi traggono dai nostri insegnamenti.

Grazie Monica!