Idea tesina: 15 professori che dissero no a Mussolini

25 Apr 2015

tesina sui professori

Il 25 aprile 1945 è una data scelta simbolicamente per festeggiare la resistenza e la liberazione d’Italia.
La festa della Liberazione, anniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile fa riferimento al giorno dell’appello diramato dal CLNAI – il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia – che in questa data assunse tutti i poteri civili e militari.
Se sei all’ultimo anno, hai studiato proprio questo argomento e sai tutto su: guerre mondiali, resistenza, lotta di liberazione. Probabilmente hai già anche pensato a scrivere una tesina ;) Questi argomenti inoltre potrebbero essere proprio oggetto della prima prova, il tema storico!

FOCUS: 3 consigli utili per preparare la Tesina per la Maturità 

Ma lo sapevi che anche i professori hanno avuto un ruolo fondamentale per la resistenza e la liberazione?

Il giuramento di fedeltà al fascismo

L’8 ottobre 1931 Mussolini impose ai professori universitari il giuramento di fedeltà al fascismo. Chi si fosse rifiutato di giurare avrebbe perso la cattedra.

Su oltre 1.200, solo una quindicina di docenti universitari rifiutarono di prestare giuramento di fedeltà, perdendo così la cattedra. Il numero effettivo delle persone che non si sottoposero al giuramento varia a seconda delle fonti. L’incertezza è dovuta anche ad alcune situazioni particolari. Alcuni docenti infatti si sottrassero al giuramento in diversi modi: Vittorio Emanuele Orlando, ad esempio, andò anticipatamente in pensione. Giuseppe Antonio Borgese, si allontanò dall’Italia andando esule all’estero. Allo stesso modo non si sottopose al giuramento il docente ed economista Piero Sraffa, già da alcuni anni esule a Cambridge.
Proprio a Piero Sraffa è intitolato l’Istituto di Istruzione Superiore Marie Curie Piero Sraffa di Milano, proprio una delle scuole che utilizzano Redooc.

Chi furono i 15 professori che dissero no a Mussolini

Ecco i nomi dei docenti:

Questi professori possono essere considerati veri e propri esempi di coraggio, per il loro gesto.

Tuttavia altri professori scelsero di giurare, come Guido Calogero e Luigi Einaudi. I due professori, infatti, seguirono l’invito di Benedetto Croce a rimanere nell’università «per continuare il filo dell’insegnamento secondo l’idea di libertà» e per impedire che le loro cattedre – secondo l’espressione di Einaudi – cadessero «in mano ai più pronti ad avvelenare l’animo degli studenti».

Lo sai che ci sono moltissime scuole intitolate proprio a Luigi Einaudi.
Vuoi sapere quante? Continua a Seguire Redooc ;)

Saldi con Carta del docente e 18App
Saldi con Carta del docente e 18App