Pronomi relativi

I pronomi relativi uniscono due frasi che contengono lo stesso nome.

A seconda che ricoprano la funzione di soggetto, complemento oggetto o complemento indiretto, hanno forme diverse, variabili e invariabili.

Appunti

Il pronome relativo ha una forma variabile (il quale) e due invariabili (che e cui).

Indipendentemente dalla forma, la sua funzione è collegare due proposizioni che abbiano un elemento in comune: la proposizione relativa e la reggente. Il nome che accomuna le due frasi, detto antecedente, viene sostituito nella subordinata relativa dal pronome relativo.

Esistono anche dei pronomi relativi doppi: scopri quali sono e come si usano. 

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per affrontare la lezione sui pronomi relativi

Per affrontare la lezione sui pronomi relativi è necessario conoscere:

A cosa servono i pronomi relativi?

A cosa servono i pronomi relativi?

Il pronome relativo variabile: il quale

Il pronome relativo variabile: il quale

Il quale come complemento indiretto

Il quale come complemento indiretto

Il pronome relativo invariabile: che come soggetto o complemento oggetto

Il pronome relativo invariabile: che come soggetto o complemento oggetto

Il pronome relativo invariabile: cui come complemento indiretto

Il pronome relativo invariabile: cui come complemento indiretto

Quali sono i pronomi relativi doppi?

Quali sono i pronomi relativi doppi?