Luigi Pirandello: vita e opere

Scopri la vita, il pensiero e le opere di Luigi Pirandello, uno dei grandi della letteratura italiana del Novecento, autore di romanzi di successo come Il fu Mattia Pascal e Uno, nessuno, centomila e di capolavori per il teatro come Così è (se vi pare) e Sei personaggi in cerca d'autore, che lo porteranno a ottenere il Premio Nobel nel 1934

Appunti

Nato ad Agrigento nel 1867 da una famiglia agiata, Pirandello inizia a scrivere novelle e romanzi. Nel 1903, però, una frana nella miniera di zolfo di proprietà del padre causa la rovina economica di Pirandello e accentua la malattia mentale della moglie, che morirà in una clinica psichiatrica nel 1959.

Le difficoltà lo spingono a intensificare l'attività di scrittura, prima con romanzi come Il fu Mattia Pascal e poi con opere teatrali, spesso derivate dalle novelle.

Dopo la Prima guerra mondiale, decide di dedicarsi esclusivamente al teatro e saranno proprio i suoi drammi, come Sei personaggi in cerca d'autore, a dargli successo e fama nel mondo, tanto da ottenere il Premio Nobel nel 1934.

Pirandello muore nel 1936 a Roma, dieci anni dopo la pubblicazione del suo ultimo romanzo Uno, nessuno, centomila.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per affrontare la lezione su Pirandello

Per affrontare la lezione su Pirandello è necessario conoscere:

Vita e pensiero di Pirandello: video della mappa mentale

Ripassa le informazioni principali sulla vita e il pensiero di Luigi Pirandello guardando il video con la mappa mentale narrata.

Mappa mentale su Luigi Pirandello: vita e pensiero

Nella mappa trovi le date fondamentali della vita di Luigi Pirandello e alcuni aspetti fondamentali del suo pensiero.

Nelle sue opere è evidente la riflessione sul conflitto tra realtà e apparenza: ognuno, infatti, indossa una maschera e paradossalmente l'unica via per recuperare la propria identità è la follia. Perciò i pazzi hanno il coraggio di dire sempre la verità, senza preoccuparsi delle convenzioni sociali e morali che ci rendono schiavi. Ne deriva una visione pessimistica del mondo, unita a un relativismo conoscitivo per cui l'uomo non è in grado di capire né gli altri né se stesso. È impossibile infatti conoscere la vera personalità che si nasconde dietro le maschere di ciascuno, non c'è una realtà oggettiva, ma ognuno ha la sua visione del mondo e la conseguenza è l'incomunicabilità, perché le parole possono essere interpretate diversamente e generare incomprensioni.

Per scaricare la mappa mentale, vai in fondo alla lezione.

Opere di Pirandello: video della mappa mentale

Ripassa le opere principali di Luigi Pirandello guardando il video con la mappa mentale narrata.

Mappa mentale su Luigi Pirandello: opere

La fama di Luigi Pirandello è legata alle sue opere teatrali, che mirano a mostrare la realtà oltre la maschera per far sì che lo spettatore si veda com'è veramente.

La prima fase del teatro pirandelliano è in dialetto siciliano e in diversi casi si tratta di adattamenti di novelle.

Poi Pirandello si allontana dal Verismo per dar vita a un teatro umoristico e grottesco, in cui domina il relativismo, come si vede chiaramente nel dramma Così è (se vi pare).

Infine c'è la fase del metateatro, cioè il teatro nel teatro, con drammi come Sei personaggi in cerca d'autore e Enrico IV.

Il primo successo, però, è merito di un romanzo, Il fu Mattia Pascal, pubblicato nel 1904. È la storia di un uomo che tenta di evadere da una vita infelice senza riuscirci. Nel 1926 Pirandello pubblica il suo ultimo romanzo, Uno, nessuno e centomila, in cui il protagonista Vitangelo Moscarda cerca di distruggere le immagini di lui che gli altri si sono costruiti fino a diventare pazzo.

Per stampare la mappa, vai in fondo alla lezione.

La frammentazione dell’Io

L'immagine è un frame tratto dall'episodio Spiderman incontra Spiderman

Pirandello pone in dubbio con la sua letteratura la capacità dell’uomo di indagare con razionalità la propria identità e la realtà che lo circonda. Nelle sue opere traspare un evidente rifiuto delle imposizioni della società medio-borghese a lui contemporanea: sulla scia delle teorie freudiane, introduce il concetto di crisi di identità

A suo modo di vedere, la società impone all’uomo di costituirsi una propria personalità coerente, una maschera da indossare nei contesti relazionali.

Siamo tuttavia sicuri che l’abito che ci siamo ritagliati su misura sia lo stesso che vedono anche gli altri? Che coloro che ci stanno attorno siano in grado di definirci attraverso quegli aggettivi che pensiamo ci descrivano e caratterizzino? Secondo Pirandello la risposta a queste due domande è in entrambi i casi negativa: quando ci rendiamo conto che anche gli altri ci vedono attraverso le loro prospettive, che si discostano dalle nostre, non possiamo che riconoscere l’identità personale come una costruzione fittizia, un ruolo prestabilito. 

Secondo Pirandello, a sostituzione della realtà esterna e oggettiva, esistono tre dimensioni: 

  • la percezione che ciascuno ha di sé;
  • la percezione che gli altri hanno del singolo;
  • l’immagine che il singolo crede di avere per gli altri.

Queste tre dimensioni sono distanti fra loro, e difficilmente comunicanti.

Alla luce di questa consapevolezza, Mattia Pascal e Vitangelo Moscarda accettano volontariamente l’esclusione dalla società. 

L'umorismo come "sentimento del contrario"

Nel 1908 Pirandello pubblica il saggio L'umorismo in cui distingue i concetti di "comico" e "umoristico".

Nel passo che trovi nella scheda Pirandello spiega la differenza con un esempio. Il comico genera il riso perché è "avvertimento del contrario", cioè mostra una situazione contraria rispetto alla normalità; l'umoristico invece può al massimo far sorridere e fa sorgere compassione nei confronti delle debolezze degli altri: riflettendo, infatti, dall'avvertimento del contrario si passa al "sentimento del contrario" in cui riso e pianto si uniscono.

Per stampare la scheda, scarica il pdf qui:

Pirandello figlio del Caos

Pirandello amava definirsi scherzosamente "figlio del Caos", alludendo al nome della piccola contrada vicino a Girgenti (Agrigento) in cui era nato: in dialetto era chiamata Càvusu, che deriva proprio dal greco Kaos.

Nel testamento Pirandello rifiuta un funerale solenne e chiede di essere cremato, esprimendo la volontà che le sue ceneri vengano sparse o sepolte proprio nel giardino della villa di contrada Caos. Il regime fascista, che avrebbe voluto tributargli l'onore delle esequie di Stato, rispetta le ultime volontà del drammaturgo in merito alla cerimonia funebre, ma le ceneri vengono deposte nel cimitero del Verano. Ci vorranno poi diversi anni per trasferire le ceneri da Roma ad Agrigento, anche grazie all'intervento di Andrea Camilleri, e dal 1962 le ceneri di Pirandello sono nel giardino di Caos.

Mappa su vita e pensiero di Pirandello da stampare

Mappa su vita e pensiero di Pirandello da stampare

Mappa sulle opere di Pirandello da stampare

Mappa sulle opere di Pirandello da stampare