Giuseppe Ungaretti: vita e opere

Vuoi conoscere la vita e le opere di Giuseppe Ungaretti? Ha combattuto nella Prima guerra mondiale ed è stato un grande poeta del Novecento, autore di poesie famosissime come Mattina, Soldati e molte altre, contenute nelle raccolte L'allegria e Sentimento del tempo.

Appunti

Considerato un anticipatore dell'Ermetismo, Giuseppe Ungaretti nasce ad Alessandria d'Egitto nel 1888 da genitori italiani. 

Si trasferisce a Parigi nel 1912 per gli studi universitari e qui entra in contatto con diversi intellettuali e ha la possibilità di allargare le sue conoscenze letterarie, subendo l'influenza del Simbolismo e del Futurismo. 

Allo scoppio della Prima guerra mondiale sostiene l'ingresso in guerra dell'Italia, si arruola e combatte nelle battaglie sul Carso, cominciando a scrivere poesie che saranno pubblicate nel 1916 in una raccolta intitolata Il porto sepolto.

Aderisce al Fascismo e nel 1925 firma il Manifesto degli intellettuali fascisti. Tre anni dopo si converte al Cattolicesimo e questa nuova religiosità si riflette nella raccolta Sentimento del tempo, pubblicata nel 1933.

Si trasferisce a San Paolo in Brasile, dove è professore universitario, per poi tornare a Roma presso l'Università "La Sapienza". Questo periodo è caratterizzato dal dolore per la morte del figlio di soli nove anni, avvenuta nel 1939, che lo porta a scrivere le poesie che saranno pubblicate nel 1947 nella raccolta Il dolore.

Ungaretti muore a Milano nel 1970.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Vita e opere di Ungaretti: video della mappa mentale

Ripassa le informazioni principali sulla vita e le opere di Giuseppe Ungaretti guardando il video con la mappa mentale narrata.

Mappa mentale su Giuseppe Ungaretti: vita e opere

Nella mappa trovi le date fondamentali della vita di Ungaretti e le sue opere più importanti.

Con la sua raccolta L'allegria, Ungaretti anticipa la poesia ermetica, rielaborando i modelli del Simbolismo e di Apollinaire. Con questo linguaggio essenziale e analogico, descrive l'orrore della guerra e la sua assurdità, a cui oppone il valore della fratellanza. Proprio la precarietà della condizione di soldato e la vicinanza della morte, permettono a Ungaretti di apprezzare ancora di più la vita e di cercare un senso profondo dell'esistenza, ricerca che culminerà nella conversione al Cristianesimo, che emerge nella raccolta Sentimento del tempo.

Per stampare la mappa, vai in fondo alla lezione.

L'allegria: poesie di guerra

Il porto sepolto è la prima raccolta di versi pubblicata da Giuseppe Ungaretti nel 1916 e poi inserita ne L'allegria come seconda sezione. Contiene le poesie scritte da Ungaretti al fronte durante la Prima guerra mondiale dal dicembre 1915 all'ottobre 1916.

Tra le più celebri poesie di Ungaretti ci sono:

  • Mattina, scritta il 26 gennaio del 1917 a Santa Maria la Longa, in provincia di Udine e contenuta nella sezione Naufragi;
  • Soldati, composta mentre si trovava a combattere in Francia nel luglio del 1918 e contenuta nella sezione Girovago.

 

Le trovi entrambe nella scheda. Per stamparla, scarica il pdf qui:

Il Natale di Ungaretti

Giuseppe Ungaretti trascorre il Natale del 1916 in licenza a Napoli.  Quello che vuole fare, però, non è festeggiare, ma riposarsi e stare solo perché porta ancora con sé gli orrori della guerra e della vita in trincea.  Gli basta il caldo del focolare domestico, contrapposto al freddo subito al fronte: l'avverbio di luogo "qui", infatti, richiama alla mente un implicito lì riferito ai luoghi della guerra.

La poesia è inserita nella raccolta L'allegria, all'interno della sezione Naufragi.

Per stampare la scheda con il testo, scarica il pdf qui:

Mappa di Ungaretti da stampare

Mappa di Ungaretti da stampare