Scopri le principali informazioni sulla vita e le opere di Ugo Foscolo, autore del romanzo Ultime lettere di Jacopo Ortis, del carme Dei Sepolcri e de Le Grazie

Ugo Foscolo

Scopri le principali informazioni sulla vita e le opere di Ugo Foscolo, autore del romanzo Ultime lettere di Jacopo Ortis, del carme Dei Sepolcri e de Le Grazie, che nella sua produzione unisce temi neoclassici e preromantici.

Ugo Foscolo nasce a Zante, isola greca a cui dedicherà il sonetto A Zacinto, nel 1778

Si avvicina alle idee napoleoniche, ma sarà profondamente deluso dal Trattato di Campoformio.

Le donne amate diventano il modello per le figure femminili delle sue opere letterarie, da Isabella Roncioni che ispira il personaggio di Teresa delle Ultime lettere di Jacopo Ortis a Antonietta Fagnani Arese, a cui dedica l'ode All'amica risanata.

Con la caduta di Napoleone e la restaurazione del potere asburgico, va a Londra, dove muore nel 1827.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale su Ugo Foscolo

Nella mappa trovi le date fondamentali della vita di Foscolo e le sue opere più importanti.

Foscolo nasce a Zante, un'isola greca, e il legame con la poesia greca sarà fondamentale per la sua produzione letteraria.

Cresce a Venezia e vede in Napoleone una figura di riferimento, fino alla delusione del Trattato di Campoformio, con cui Bonaparte cede Venezia all’Austria.

Tra le sue opere maggiori c'è il romanzo epistolare Ultime lettere di Jacopo Ortis, pubblicato in tre edizioni, dove tema amoroso e politico si uniscono.

La pubblicazione dell'editto napoleonico di Saint Cloud (1806) che proibisce la sepoltura nei centri abitati è lo spunto per la composizione del carme Dei Sepolcri, dove si interroga sulla morte e sull'importanza del sepolcro partendo dall'esperienza biografica della visita a Santa Croce a Firenze, che ospita le tombe di uomini illustri.

Se vuoi stampare la mappa, vai in fondo alla lezione per scaricare il pdf.

La Basilica di Santa Croce a Firenze e il carme Dei Sepolcri

Foscolo muore nei pressi di Londra nel 1827, ma le sue ceneri si trovano oggi nella Basilica di Santa Croce a Firenze. 

Sono state trasferite lì nel 1871 perché proprio Foscolo aveva reso immortale la fama di questa chiesa, definita "tempio dell’itale glorie" in quanto luogo di sepoltura di geni quali Machiavelli, Michelangelo e Galileo.

Nel carmeDei Sepolcri, infatti, dopo essersi interrogato sull'importanza del sepolcro, che permette ai vivi di ricordare i propri cari defunti, Foscolo esprime le sensazioni che ha provato di fronte alle tombe di questi grandi del passato.

Proprio queste sepolture sono fonte di ispirazione per la sua poesia, che avrà quindi il compito di eternare la fama dei grandi uomini che vi riposano.

Se vuoi leggere i versi in cui Foscolo parla delle tombe viste nella Basilica di Santa Croce, scarica la scheda in pdf:

Mappa di Foscolo da stampare

Mappa di Foscolo da stampare