Giuseppe Parini: vita e opere

Rappresentante dell'Illuminismo lombardo, Giuseppe Parini sostiene la funzione educativa della poesia. Scopri le principali informazioni sulla sua vita e le sue opere, tra cui va ricordato il poemetto eroicomico Il giorno.

Appunti

Giuseppe Parini nasce a Bosisio nel 1729 da una famiglia della piccola borghesia: per questo sceglie la carriera ecclesiastica, pur senza vocazione, per poter studiare. Lavora anche come precettore presso i duchi Serbelloni prima, per Carlo Imbonati poi e si avvicina alle idee illuministiche.

Tra le sue opere più importanti c'è Il giorno, un poemetto eroicomico didattico in endecasillabi sciolti, che descrive satiricamente la giornata del Giovin Signore, dedito all'ozio e ai vizi.

È autore anche di 25 Odi, in cui convivono la sua idea di poesia civile e il neoclassicismo stilistico, e di trattati in prosa.

Muore nel 1799 a Milano.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Prerequisiti per affrontare la lezione su Giuseppe Parini

Per affrontare la lezione su Giuseppe Parini è necessario conoscere:

Mappa mentale su Giuseppe Parini: vita e opere

Nella mappa trovi le date fondamentali della vita di Parini e le sue opere più importanti.

Date le condizioni economiche modeste della famiglia, per studiare intreprese la carriera ecclesiastica e lavorò come precettore. Si avvicinò all'Illuminismo lombardo e sostenne il compito educativo della letteratura, senza però rinunciare alla cura della forma in un ideale di Neoclassicismo stilistico.

Ne sono un esempio le Odi, raccolte in un unico volume nel 1795, in cui emergono temi politici e civili.

Il suo capolavoro è Il giorno, un poemetto in endecasillabi sciolti in cui un precettore istruisce un Giovin Signore, dedito esclusivamente all'ozio e ai piaceri, occasione per Parini di denunciare la corruzione della società e in particolare della classe dirigente.

Se vuoi stampare la mappa, vai in fondo alla lezione per scaricare il pdf.

Il giorno: il risveglio del Giovin Signore

Ne Il giorno Parini denuncia attraverso l'ironia e la satira i costumi della nobiltà, che trascorre le sue giornate nell'ozio dedicandosi esclusivamente ai piaceri.

Nella scheda trovi i primi versi del poemetto, in cui il Precettore si rivolge al Giovin Signore ed evidenzia quanto la sua giornata sia diversa da quella dei lavoratori come il contadino e il fabbro che si alzano presto al mattino e vanno a dormire presto: il Giovin Signore, invece, alla sera si diverte nei banchetti e si addormenta al canto del gallo, quando gli altri si svegliano.

Per stampare la scheda, scarica il pdf qui:

Mappa di Parini da stampare

Mappa di Parini da stampare