Guerra fredda: USA vs URSS

Cosa si intende per Guerra fredda? È una fortunata invenzione linguistica del giornalista statunitense W. Lippmann con la quale si descrive abitualmente quella condizione di tensione permanente, a volte più intensa e pericolosa, altre volte più latente, tra il cosiddetto “blocco occidentale” e i Paesi satelliti dell’URSS.

Appunti

Determinare le date di inizio e di fine della cosiddetta “Guerra fredda” non è affatto facile. Convenzionalmente si tende a far coincidere l’inizio con l’anno 1947, durante il quale i rapporti politici e diplomatici tra le due superpotenze iniziarono a incrinarsi sensibilmente e la fine con il triennio intercorso tra il 1989 (caduta del muro di Berlino) e il 1991 (dissoluzione dell’URSS).

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale della Guerra fredda: USA vs URSS

Più volte, nel corso del Novecento, il mondo intero ha avuto paura di essere coinvolto nella Terza Guerra Mondiale anche se, fortunatamente, tale evento non si è mai verificato. Tuttavia, per quasi mezzo secolo, una specie particolare di conflitto, indiretto, intermittente e a bassa intensità, si è combattuto tra i due blocchi contrapposti che, all’epoca, governavano il mondo: da un lato le potenze della NATO e dall’altro i Paesi riuniti nel Patto di Varsavia.

Almeno tre sono i conflitti, combattuti o soltanto sfiorati, a causa dei quali la guerra da “fredda” avrebbe potuto trasformarsi in “calda”, cioè combattuta in modo aperto e devastante dalle due superpotenze atomiche:

  • la guerra di Corea (1950-53),
  • la crisi dei missili di Cuba (1962),
  • la guerra nel Vietnam (1955-75). 

Per stampare la mappa, vai in fondo alla lezione.

Una cortina di ferro calata sul continente europeo

Credits BigSteve, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Sebbene durante la Seconda Guerra Mondiale Stati Uniti e Unione Sovietica fossero alleate contro la potenza nazista, a conflitto concluso risulta evidente che le due superpotenze abbiano un modo differente di guardare ai Paesi sconfitti:

  • da un lato gli Stati Uniti credono che le grandi potenze europee debbano uniformarsi al modello americano, adottando un’economia capitalista e un’organizzazione politica liberale;
  • dall’altro lato l’Unione Sovietica, caratterizzata da un’economia controllata dallo Stato e un’organizzazione politica totalitaria, crede che sia giusto estendere il proprio modello anche al contesto europeo. 

Ne consegue una cortina di ferro calata sul continente europeo, stando alle parole di Churchill: due grandi gruppi di cui l’uno ruota attorno alla potenza statunitense e l’altro all’URSS. Il Patto Atlantico suggella l’alleanza tra i primi nel 1949 e il Patto di Varsavia del 1955 tra i secondi.  

Attraverso il Piano Marshall (1947) gli USA adottano una politica del contenimento, volta a contenere la possibile espansione del nemico, proponendo di risolvere e alleviare la povertà dei Paesi dell’Europa occidentale, dal momento che la parte orientale è sotto l’influsso sovietico.

La crisi dei missili di Cuba (ottobre 1962)

A seguito del fallito tentativo da parte della CIA di rovesciare il governo rivoluzionario di Fidel Castro e della decisione di costruire in Turchia alcune basi missilistiche della Nato, l’Unione Sovietica decide di fare lo stesso nell’isola di Cuba. Gli aerei-spia U2 statunitensi, però, fotografano le operazioni sull’isola caraibica e la situazione sembra precipitare. Dopo alcuni giorni di tensione altissima, si giunge a un accordo: gli Stati Uniti rinunciano a rovesciare il governo cubano in cambio del ritiro dei missili sovietici.

Per approfondire guarda il video Si apre la crisi dei missili sovietici a Cuba.

Wargames

Video youtube

Nel 1983 esce nelle sale cinematografiche un film che descrive molto bene lo stato di tensione, di pericolo e a tratti di isteria che ha caratterizzato per anni i rapporti che intercorrevano tra blocco occidentale e blocco sovietico. In questo film si immagina che un ragazzino, genio del computer, per caso e senza rendersene conto arrivi a tanto così dallo scatenare realmente la Terza Guerra Mondiale. Un film che, a distanza di quarant’anni, ancora può farci riflettere.

Mappa della Guerra fredda da stampare

Mappa della Guerra fredda da stampare