La filosofia di Galileo Galilei

Con Galileo Galilei si apre una nuova stagione del sapere filosofico: nasce il metodo scientifico fondato sulle “sensate esperienze” e le “certe dimostrazioni”.

Appunti

Galileo Galilei nasce a Pisa nel 1564, studia a Firenze e insegna presso le università di Padova e di Pisa, dove realizza alcune importantissime scoperte scientifiche che cambieranno non soltanto il modo di studiare, ma anche di concepire l’Universo, nonché di considerare quale sia il posto dell’uomo nel mondo.
Muore ad Arcetri nel 1642.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Mappa mentale delle scoperte e delle idee di Galileo

Nella mappa trovi le principali scoperte, innovazioni e idee forti dovute a Galileo Galilei, che fanno di lui un vero genio a tutto tondo, nonché uno dei pionieri della scienza moderna.

Nel 1610 Galilei pubblica il Sidereus nuncius in cui, tra l’altro, racconta della scoperta di almeno 4 satelliti di Giove, delle macchie sul Sole e dei crateri sulla Luna (grazie all’utilizzo del cannocchiale o telescopio, da lui perfezionato) e che, contrariamente a quanto sostenuto da Aristotele, non c’è alcuna differenza qualitativa tra la Terra e il mondo celeste: siamo tutti fatti della stessa materia.

Nel 1616 La Chiesa cattolica gli intima di non difendere e propagandare più le teorie copernicane, ma Galilei nel 1632 pubblica il suo capolavoro in difesa dell’eliocentrismo, dal titolo: Dialogo sopra i due massimi sistemi, tolemaico e copernicano. L’anno successivo è costretto a comparire a Roma davanti al Tribunale della Santa Inquisizione e, per non subire la tortura, accetta di abiurare le sue tesi. Bloccato in una sorta di arresti domiciliari presso la sua villa di Arcetri, Galileo Galilei, vecchio e quasi cieco, continua i suoi studi e nel 1638 pubblica nascostamente in Olanda l’opera dal titolo: Discorsi e dimostrazioni matematiche sopra a due nuove scienze.

Per saperne di più sulla vita e le opere di Galileo Galilei leggi qui.

Per scaricare la mappa mentale, vai in fondo alla lezione.

Cambio di paradigma: dal geocentrismo all'eliocentrismo

Per circa duemila anni il modello geocentrico dell’Universo ha dominato il panorama culturale, scientifico e religioso. Poi, dopo la pubblicazione dell’opera di Copernico (De revolutionibus orbium coelestium,1543) progressivamente e faticosamente il paradigma eliocentrico si è affermato grazie alle riflessioni di Giordano Bruno, filosofo italiano (1548 - 1600 d. C.), Galileo Galilei, filosofo e astronomo italiano (1564 - 1642 d. C.), Keplero, astronomo tedesco (1571 – 1630 d. C.) e Newton, filosofo e fisico inglese (1642 – 1727 d. C.).

Figli dello stesso Cielo

Nel IV sec. a.C. Aristotele scrisse nella sua Fisica che l’Universo è diviso in due parti nettamente distinte e contrapposte: al centro la Terra, corruttibile, sede dei cambiamenti e fatta da mescolanze dei 4 elementi (acqua, aria, terra e fuoco) e in alto i Cieli concentrici, perfetti, sempre identici e composti dal quinto elemento (etere).

Quasi duemila anni dopo, Galilei scoprì invece che tutto l’Universo è fatto allo stesso modo e composto dagli stessi elementi, riportando all’intero, ciò che per due millenni era stato separato.

Per scaricare la mappa, vai in fondo alla lezione.

Il linguaggio della Natura

Galilei, come già avevano intuito i Pitagorici (VI sec. a. C.) e Platone (V - IV sec. a. C), credeva che l’Universo fosse un libro scritto secondo un alfabeto particolarissimo: numeri e figure geometriche. Chiunque volesse provare a studiarlo, doveva necessariamente padroneggiare la scienza dei numeri (aritmetica) e delle figure (geometria).

L’errore di Galileo

Galilei era convinto che il fenomeno delle maree, cioè l’innalzamento e l’abbassamento del livello del mare, fosse il risultato della combinazione dei due moti terrestri (rotazione e rivoluzione). Si sbagliava: in realtà è dovuto all’attrazione gravitazionale esercitata dalla Luna e, in grado minore, dal Sole.

Mappa delle scoperte e delle idee di Galileo da stampare

Mappa delle scoperte e delle idee di Galileo da stampare

Mappa della fisica di Aristotele e Galileo da stampare

Mappa della fisica di Aristotele e Galileo da stampare