Ripasso sull'uso della punteggiatura

A cosa serve la punteggiatura e quali sono i principali segni di interpunzione? Ripassali in questa lezione.

Appunti

Ripassa come usare correttamente la punteggiatura: punto, virgola, due punti, punto e virgola, punto interrogativo, esclamativo e puntini di sospensione. Cosa sono e quando si usano questi segni di interpunzione?

Scoprirai anche come usare le virgolette, il trattino, le lineette, la sbarretta e le parentesi.

Accedi per sempre a tutte le lezioni FREE con video ed esercizi spiegati!

Come si usa la punteggiatura

La punteggiatura non è un optional! Senza di essa, infatti, è molto difficile interpretare correttamente un testo scritto.

Pensa che gli antichi greci scrivevano senza interruzioni di alcun tipo: non c’erano nemmeno gli spazi tra una parola e l’altra! Era la cosiddetta scriptio continua, tutt’altro che comoda da leggere!

Col passare dei secoli, per fortuna, si è affermato l’uso di diversi segni grafici per indicare pause più o meno lunghe e particolari intonazioni espressive da dare alle frasi.

Questo vantaggio ci impone un obbligo: quello di usare bene la punteggiatura, senza sottovalutarne l’importanza. Come? Scoprilo nella scheda a lato che presenta i principali segni di interpunzione. 

Scarica il pdf qui: 

La funzione delle virgolette

Le virgolette possono essere alte (“ ”), basse (« ») o apici (‘ ’). Si usano:

  • per delimitare all’inizio e alla fine il discorso diretto;
  • per delimitare una citazione;
  • per evidenziare una o più parole a cui si vuole attribuire un significato particolare, spesso figurato o ironico;
  • per riportare i titoli di giornali;
  • per riferire, accanto a una parola, il suo significato.

La funzione di trattino, lineette e sbarretta

Il trattino, le lineette e la sbarretta si assomigliano, ma non sono uguali e hanno funzioni diverse. Scopri come usarli correttamente.

Il trattino si usa:

  • per unire due parole o due parti di un composto (il dizionario latino-italiano, le scale anti-incendio);
  • per indicare la divisione in sillabe di una parola e per andare a capo: in questo caso, nei testi scritti a mano, si può usare il segno = (gram-ma-ti-ca).

Le lineette sono due trattini lunghi che si usano:

  • per delimitare gli incisi, al posto di virgole e parentesi;
  • per delimitare il discorso diretto, al posto delle virgolette.

La sbarretta si usa:

  • per indicare l’alternativa tra due possibilità, come nella formula e/o;
  • per separare gruppi di cifre, per esempio nelle date.

L'uso di parentesi e asterisco

Le parentesi possono essere tonde o quadre.

Le parentesi tonde si usano per delimitare gli incisi, come le virgole, oppure per introdurre una spiegazione o un esempio.

Le parentesi quadre si usano raramente, per lo più nella forma [...] per segnalare l’omissione di una parte di testo all’interno di una citazione.

L’omissione di una parola si può indicare anche con tre asterischi consecutivi ***.